Samsung sospende le vendite del Galaxy Note 7: “va a fuoco”

Secondo quanto riporta la stampa americana Samsung sospende la vendita del Galaxy Note 7. Mentre vanno avanti le indagini sui recenti incidenti il colosso sudcoreano chiede ai partner, dalle compagnie telefoniche ai rivenditori, di non vendere lo smartphone mentre vanno avanti le indagini sui recenti incidenti.

Il Galaxy Note 7 è stato richiamato nelle ultime settimane negli Usa dopo che è che diversi possessori avevano denunciato che il dispositivo era andato a fuoco.

Poco prima della sospensione della vendita dello smartphone, Samsung ne aveva già sospeso anche la produzione. Immediato il contraccolpo in Borsa per il titolo del colosso coreano che è arrivato a perdere il 7,5%.

“Restiamo impegnati a a lavorare diligentemente con le autorità per assumere le misure necessarie per risolvere la situazione”, ha fatto sapere Samsung in una nota. “Dato che la sicurezza dei consumatori resta la priorità, Samsung chiederà alle compagnie telefoniche e ai rivenditori a livello globale di fermare le vendite e le sostituzioni del Galaxy Note 7 mentre le indagini proseguono”, ha proseguito Samsung, precisando che i titolari del Galaxy Note 7 originale o di Galaxy Note7 che gli è stato dato in sostituzione del precedente dovrebbero spegnerlo e non usarlo.

Commenta l'articolo con Facebook

News Correlate