06/12/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

2 min read

Un travolgente Jannik Sinner resta in corsa per le semifinali delle Nitto Atp Finals 2021 di Torino battendo Hubert Hurkacz  al Pala Alpitour. Il 20enne di San Candido era stato chiamato per sostituire l’infortunato Matteo Berrettini e al suo travolge il polacco con un netto 6-2: ora servirà l’impresa contro Daniil Medvedev.

Sinner non ha mai perso il servizio e annullato tutte le palle break costruite da Hurkacz, numero 9 della classifica Atp: ben quattro, le stesse a disposizione di Sinner che, però, ne sfrutta due che gli valgono il 4-1 e, successivamente, il 6-2. Il parziale si ripete anche nel secondo set: l’altoatesino si difende benissimo e si aggiudica il secondo e il quarto turno in battuta. Al primo match point, Sinner non sbaglia e chiude con un doppio 6-2, che gli consente di agganciare Zverev al secondo posto.

Si deciderà tutto nell’ultimo turno, nel quale l’avversario sarà il numero 2 al mondo Daniil Medvedev: servirà una vittoria contro il russo e una sconfitta del tedesco contro Hurkacz per centrare la prima semifinale da riserva della storia delle Atp Finals. Alla fine dell’incontro Sinner ha rivolto una dedica al collega Berrettini: “Matteo, sei un idolo”.
Nell’altro match Daniil Medvedev seppur soffrendo conquista il secondo successo alle Nitto Atp Finals 2021 di Torino superando in tre set Alexander Zverev, che incassa invece il primo ko. Nella fase iniziale della partita Medvedev rischia sui due primi turni in battuta, ma annulla tre palle break e, in mezzo, riesce anche a strappare il servizio e a portarsi sul 3-0, un vantaggio che il numero 2 al mondo difende e trasforma nel 6-3. Nel secondo set non arrivano break: Zverev va vicino a perdere il servizio al primo e al settimo game, evitando di cedere e tenendo il servizio. Dall’altra parte, Medvedev non rischia mai: si va dunque al tie-break che, dopo diverse polemiche, regala a Zverev il 7-3 e l’1-1 nel conto dei parziali. Nel decisivo terzo set il russo annulla una palla break all’undicesimo game, mentre il tedesco si guadagna il tie-break grazie ai suoi ace. Ed è proprio il 24enne a partire meglio: al cambio di campo è 4-2 in favore del numero 3 della classifica Atp. Medvedev, però, risale e mette pressione a Zverev, che annulla due match point prima di cedere 8-6. Finisce così 6-3, 6(3)-7, 7-6(6) per il russo, che si prende così la vetta del gruppo rosso e si avvicina alla semifinale.

Autore