20 Ottobre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Al via la 15° edizione della Festa del Cinema di Roma

3 min read

rhdr

Una partenza leggermente bagnata dalla pioggia e in tono minore, questo primo giorno della Festa del Cinema di Roma propone poco anche per rodare il sistema di sicurezza anti-covid. La 15° edizione deve fare i conti con la pandemia e la sicurezza è fondamentale, assicurano gli organizzatori e il direttore artistico Antonio Monda, che hanno previsto percorsi diversi per raggiungere le varie sale dell’Auditorium Parco della Musica, posti contingentati, mascherine obbligatorie, controllo della temperatura, distanziamento, prenotazioni e biglietti solo on-line. Il tappeto rosso rimane, ma i beniamini si possono ammirare solo dall’alto, seduti sulle gradinate della cavea e su prenotazione.

Il film d’apertura è Soul, animazione della Disney-Pixax che sarà disponibile a Natale solo in streaming, con le polemiche degli esercenti che avrebbero voluto il film in sala. A presentarlo questa sera all’Auditorium in diretta streaming c’è Pete Docter, regista e mente creativa della Pixar che riceve anche il Premio alla Carriera. Un lungometraggio divertente e toccante sulla falsariga di Up e Inside Out che fecero vincere a Docter 2 Oscar. Tra jazz e ricerca del senso della vita, è la storia di un professore di musica che sta per realizzare il suo sogno: esibirsi con la sua sassofonista preferita Dorothea Williams. Un incidente, però, lo catapulta in un’altra dimensione a cavallo tra la vita e la morte, qui diventerà il mentore di una giovane anima in formazione che non trova il coraggio e l’ispirazione per andare sulla Terra e vivere la propria vita. Un film di alto valore artistico, ma allo stesso tempo popolare, giusto per dare il via alla Festa.

Stasera parte anche la sezione Alice nella Città  dedicata ai giovani, al Cinema Caravaggio le proiezioni del commovente Stray di Elisabeth Lo, rivelazione all’ultimo Festival di Tribeca, ritratto di Istanbul vista con gli occhi di tre cani randagi, e di Io sto bene di Donato Rotunno presentato con il regista e parte del cast, tra cui Sara Serraiocco, Marie Jung e Vittorio Nastri, storia dell’incontro tra due italiani di generazioni diverse che hanno lasciato la terra natìa per lavoro. Un uomo che ha appena perso la moglie e una giovane vj, insieme troveranno la forza per guardare al futuro. Per questa serata inaugurale al Cinema Caravaggio attesti tanti ospiti, tra gli altri l’attrice Claudia Potenza e i giurati Paola Minaccioni e Dario Albertini.

Domani si entrerà nel vivo con le proiezioni di Stardust, il biopic su David Bowie di Gabriel Range, Supernova di Harry Mcqueen con Colin Firth e Stanley Tucci, e Time di Garret Bradley, storia d’amore e resilienza di una donna afroamericana che fa di tutto per tirare fuori dal carcere il marito. Poi l’atteso incontro con il regista Steve McQueen che riceverà il Premio alla Carriera e presenterà Small Axe, la sua nuova serie incentrata sulle storie della comunità caraibica di Londra a cavallo tra il 1969 e il 1982.

Nel primo giorno della Festa del Cinema di Roma è stata inoltre inaugurata, nel foyer della sala Sinopoli, la mostra Il Giro del Palazzo che racconta con foto e video il periodo del lockdown. Quest’anno poi, per la prima volta, 15 film del festival sono disponibili in streaming on demand sulla piattaforma Digital Rff15 e infine l’app Rome Film Fest permette di prenotarsi e acquistare biglietti comodamente dal cellulare.