27 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Allegri: “Mi godo la vita tra amici e famiglia. Giocatori? Le gambe prima di tutto”

2 min read

New York Times, un hotel milanese, Massimiliano Allegri intervistato per due ore scarabocchia su alcune pagine mentre si racconta apertamente. Il giornalista parte proprio dall’osservazione di quei dettagli: “Lo psicologo Robert Burns una volta disse: ‘Ciò che appaiono come disegni realizzati per noia potrebbero in verità rivelare messaggi più reconditi’”. Allegri? non aggiunge nulla sul suo futuro di cui non abbia già parlato. “Non mi sono preso un sabbatico, ma solo una pausa”.

LA VITA LONTANO DAI CAMPI- A parte la conferma che tornerà a giugno, c’è molto di diverso nella vita di Allegri di questi tempi. Racconta di trascorrere la maggior parte del suo tempo a leggere libri prevalentemente thriller. C’è poi l’arte a riempire le giornate dell’ex tecnico bianconero, in particolare la passione per Modigliani: “Sono andato a Londra apposta per visitare una sua mostra. Partite in tv? Molte più di quando alleno. In quei momenti non ho tempo: i video non devono mai superare i 5’. Ora mi godo la vita in famiglia e con gli amici”.

I GIOCATORI COME CAVALLI- “Federico Tesio, uno dei più grandi allenatori della storia, spiegava che puoi capire come correrà un cavallo da come muove le gambe al mattino. Stessa cosa con i calciatori: per vedere se un giocatore è in forma bisogna guardargli le gambe alla mattina in allenamento, come i cavalli. Ai miei assistenti dico di guardare come muovono le gambe, non il computer”.

CURIOSITÀ SU COVERCIANO- Allegri racconta poi che alla celebre scuola per allenatori di Coverciano ci si concentra troppo su schemi e sistemi: “Si dà meno importanza a come comunicare con i giocatori e sulla percezione della partita: le sensazioni sono le cose più importanti”.

KLOPP, GASPERINI ED IL CAGLIARI- “Grande intrattenimento con Gasp, soprattutto perché gioca l’uno contro uno per tutto il campo”.