Atene rimborsa Fmi e Bce. Riaprono le banche

Atene ha fatto partire l’ordine per rimborsare Bce, Fmi e la Banca centrale greca. Lo ha detto un funzionario del ministero delle Finanze ellenico precisando che la cifra totale ammonta a circa 6,8 miliardi di euro.

La notizia arriva nel giorno la Grecia è alle prese con il terzo piano di salvataggio. Come annunciato, infatti, nei giorni scorsi oggi hanno riaperto le banche, chiuse dal 29 giugno. Il massimo prelievo possibile è di 420 euro cumulativi, equivalente al massimo di 60 euro.

I paletti restano, dunque, ben saldi per evitare la corsa agli sportelli, che lo stesso governatore Draghi ha indicato come eventualità da scongiurare a tutti i costi.

Dall’altra parte, il contraltare a questo parziale sollievo per la popolazione arriva dall’effettivo incremento dal 13 al 23% dell’Iva su molti prodotti, incluso il cibo e il pubblico trasporto. Anche i taxi rientrano negli aumenti. La Borsa di Atene, invece, resta chiusa.

In merito al debito, Angela Merkel ha riconosciuto nel fine settimana che si parlerà di un suo alleggerimento.

News Correlate

Lascia un Commento