27 Gennaio 2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Brexit: la premier May si aggrappa allʼidea del quarto voto sulla accordo

2 min read

Malgrado la terza sconfitta di venerdì ai Comuni del suo accordo sulla Brexit, Theresa May non si rassegna e pensa ad una quarta votazione. La premier Tory, rivelano fonti di Downing Street citate dai media, non crede che l’intesa sia morta del tutto, come le chiedono di riconoscere le opposizioni, e vuol continuare a cercare consensi alla Camera. La riduzione dello scarto nella sconfitta, dai 203 voti di gennaio ai 58 di ieri, fa dire alle fonti che “si sta andando nella giusta direzione” questo nonostante l’offerta dell’Ue di rinvio dell’uscita al 22 maggio sia ormai decaduta e a Londra resti tempo solo fino al 12 aprile.

Il piano del governo sarebbe ora quella di provare a resuscitare l’accordo riproponendolo la settimana prossima a Westminster in un ballottaggio con il piano B alternativo d’iniziativa parlamentare che dovesse emergere dalla nuova sessione di ‘voti indicativi’ dell’aula di lunedì. E’ “probabile che Theresa May ci voglia riprovare”, conferma Laura Kuenssberg, political editor di Bbc. Ma – avverte – “è una decisione presa nel bunker mentre il cerchio si stringe”.

Lunedì dunque la palla torna al Parlamento con la seconda fase dei ‘voti indicativi’ su possibili piani B alternativi. Nel frattempo, comunque, l’orologio continua a correre. L’Ue, dunque, si prepara a un vertice consapevole che a questo punto – come detto – la scadenza secca è per il 12 aprile: data entro la quale, in mancanza di accordo ratificato, il governo britannico dovrà chiedere un rinvio prolungato ancorato a una proposta di soluzione nuova o una svolta politica, oppure disporsi al temuto divorzio senz’accordo (no deal).