Caso Tav: Assolto Erri De Luca per istigazione a delinquere. “Il fatto non sussiste”

Lo scrittore Erri De Luca è stato assolto per l’accusa di istigazione a delinquere. “E’ stata impedita una ingiustizia, quest’aula è un avamposto sul presente prossimo”. Queste le prime parole di Erri De Luca dopo la sentenza. Grande applauso al pronunciamento della sentenza da parte dei sostenitori No Tav presenti in aula.

I pubblici ministeri Antonio Rinaudo e Andrea Padalino avevano chiesto una condanna a otto mesi di reclusione con le attenuanti generiche perché “con la forza delle sue parole ha sicuramente incitato a commettere reati”

Lo scrittore, entrando in aula, questa mattina ha dichiarato: “I miei colleghi stranieri continuano a non capire il perché di questo processo, io sono tranquillo“. Prima che il giudice Immacolata Iadeluca, si fosse ritirato in camera di consiglio per la sentenza, De Luca ha letto un discorso sotto forma di dichiarazione spontanea.

“Sarei presente in quest’aula anche se non fossi io lo scrittore incriminato per istigazione. Aldilà del mio trascurabile caso personale, considero l’imputazione contestata un esperimento, il tentativo di mettere a tacere le parole contrarie. Confermo la mia convinzione che la linea sedicente ad Alta Velocità va intralciata, impedita e sabotata per legittima difesa del suolo, dell’aria e dell’acqua“. Questo l’inizio del suo discorso. E ha continuato, soffermandosi sulla parola pronunciata dallo stesso scrittore, che ha portato all’accusa di istigazione e delinquere: “Sabotare, verbo nobile e democratico pronunciato e praticato da Gandhi e Mandela con enormi risultati politici“.

De Luca, nel suo discorso, ha anche rimarcato l’assenza di sostegno di parte di scrittori e intellettuali, dichiarando: “Ci sono degli assenti e si notano. Si sono presi la responsabilità della loro assenza“. Ha sottolineato, invece, tutto il sostegno della gente comune: “La società civile, a cominciare dai miei lettori, mi ha invece sostenuto fin dall’inizio con centinaia di letture pubbliche che ho archiviato. Loro non mi hanno mai abbandonato”.

News Correlate

Lascia un Commento