22/06/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Champions, ad Anfield si scrive la storia: l’impossibile si trasforma in un sogno

2 min read

 

Vi ricordate il 6-1 del Barcellona sul Psg? Con quel risultato, anni addietro, il Barca eliminò i francesi dopo il 4-0 subito all’andata tra le urla impazzite dei vari commentatori. Questa volta è il Liverpool a compiere un’impresa destinata ad entrare negli annali del calcio mondiale, consegnando alla storia la prima finalista della Champions League di quest’anno. Dopo lo 0-3 dell’andata, i ragazzi di Klopp vincono 4-0 mandando a casa Messi e il Barcellona, dopo aver rivisto più volte il goal capolavoro su punizione dell’argentino, di una settimana fa. Ad Anfield decidono le doppiette di Origi (7′ e 79′) e Wjinaldum (54′ e 56′), mentre Alisson respinge tutti gli assalti dei blaugrana. Ora i Reds aspettano la vincente di Ajax-Tottenham, prima di affrontare la nona finale della storia.

KLOPP- «E’ veramente speciale questa notte. Ho vissuto già notti speciali nel calcio, ma questa sera è diverso. I ragazzi hanno mostrato un grande carattere insieme a un calco spettacolare. Guardavo negli occhi i ragazzi e loro non riuscivano neanche a sorridere da quanto erano emozionati».

VALVERDE- «La strada si è messa in salita per noi dopo i due gol subiti a inizio del secondo tempo in un paio di minuti. Non siamo riusciti a segnare e siamo stati rimontati. Un risultato terribile per noi e i nostri tifosi. Brutto perdere così, ma non posso non fare le congratulazioni al Liverpool. Abbiamo cercato la nostra solita profondità, ma non siamo riusciti a ribattere. Il quarto gol ha chiuso i conti”. Così Ernesto Valverde, tecnico del Barcellona, in conferenza stampa, dopo il clamoroso tracollo contro il Liverpool».