11/04/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Coronavirus: 13.659 nuovi positivi a fronte di 270.142 tamponi processati. 422 i decessi

2 min read

Secondo i dati del ministero della Salute sono 13.659 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia a fronte di 270.142 tamponi processati. I decessi sono stati 422 portando il totale delle vittime 90.241.

Aumentano di 6 unità le terapie intensive (2.151), mentre sono 328 in meno i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid (19.743 in tutto). I pazienti dimessi o guariti dal Covid-19 nelle ultime 24 ore sono 17.680, per un totale di 2.076.928 dall’inizio della pandemia. Il tasso di positività risulta del 5,05% (ieri era stato del 4,7%, in aumento quindi dello 0,3%).

Le regioni con il maggior numero di nuovi casi sono la Lombardia (1.746), la Campania (1.544) e l’Emilia Romagna (1.192).
“La disponibilità di vaccini anti-Covid entro il mese di giugno è quantificabile nell’ordine dei 40 milioni di dosi, quindi dovremmo arrivare a vaccinare 20 milioni di persone”. Lo afferma il presidente del Css, Franco Locatelli, sulla campagna di vaccinazione in Italia.

Intanto il direttore dell’Oms Europa Hans Kluge intervenendo alla plenaria del Comitato delle Regioni ha dichiarato: “Le nuove varianti del Covid preoccupano, in particolare quella sudafricana, perché il virus si trasmette più velocemente, ed i sistemi sanitari potrebbero avere più difficoltà. Ma soprattutto perché rapporti preliminari mostrano che con la mutazione sudafricana c’è il rischio di reinfettarsi. Inoltre – aggiunge – dobbiamo valutare cosa significhi questo per i vaccini”.

Sono circa 4mila le varianti del coronavirus individuate nel mondo dall’inizio della pandemia di Covid, che come tutte le infezioni virali tende a mutare col tempo. Lo ha sottolineato oggi il ministro britannico Nadhim Zahawi, messo nei mesi scorsi dal premier Boris Johnson a capo di un team governativo ad hoc per il coordinamento della campagna vaccinale nazionale, precisando tuttavia che secondo gli esperti solo alcune di esse appaiono al momento preoccupanti per il potenziale di diffusione.