10/04/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Coronavirus: 19.886 i nuovi casi. 353.704 tamponi processati. 308 le vittime

2 min read

Secondo i dati diffusi dal ministero della salute nelle ultime 24 ore sono 19.886 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia a fronte di 353.704 tamponi processati. Le vittime sono 308 (il totale sale a 96.974 dall’inizio della pandemia). Ieri i positivi erano stati 16.424 e i decessi 318. Il tasso di positività sale al 5,6% (+0.8% rispetto a ieri).

La regione che registra più casi è la Lombardia con 4.243 positivi. Seguono la Campania (2.385), l’Emilia-Romagna (2.092), il Piemonte (1.454), la Toscana (1.374), il Veneto (1.304) e il Lazio (1256).

Intanto, sarebbe pronto, secondo quanto apprende l’Ansa, il parere dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) con il quale si darebbe il via libera alla possibilità di somministrare un’unica dose di vaccino ai soggetti che hanno già contratto il virus SarsCov2. Sulla base del parere, il ministero della Salute dovrebbe diramare successivamente una circolare.

Varianti. “In Italia si è stimato che la cosiddetta variante inglese del virus Sars-CoV-2 ha una trasmissibilità superiore del 37% rispetto ai ceppi non varianti, con una grande incertezza statistica” tra il 18% fino ad arrivare a punte del 60%. Lo scrive l’Istituto superiore di sanità (ISS) in un aggiornamento delle Faq sulle varianti sul proprio sito.

“La stima – si legge – induce a considerare l’opportunità di più stringenti misure di controllo che possono andare dal contenimento di focolai nascenti alla mitigazione”. Nella Faq viene descritto anche il metodo usato per calcolare la trasmissibilità. “La stima della trasmissibilità relativa del mutante Gb è stata effettuata tramite un modello matematico basato sui dati di due ‘flash survey’ condotte nelle scorse settimane sulla prevalenza della variante inglese – prosegue il testo – insieme a quelli dei ricoveri di 10 regioni. Le stime sono state fatte utilizzando diversi metodi matematici che hanno dato risultati consistenti tra loro”.