31 Ottobre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Coronavirus, nuovo picco di contagi: oltre 2.500 in 24 ore. È l’incremento più alto in 5 mesi

2 min read

Un incremento così alto non si vedeva da cinque mesi. Sono 2.548 i nuovi contagi da Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia a fronte di 118.236 tamponi effettuati. Un numero che porta gli attualmente positivi a quota 52.647 e che fa alzare le terapie intensive fino a 291 pazienti malati di Covid. Il totale dei contagiati dall’inizio dell’emergenza in Italia sale così a 317.409 casi. Peggiora anche il dato relativo ai decessi: se ieri le vittime legate al virus erano 16, oggi sono 24, stando ai dati diffusi nel tardo pomeriggio dal ministero della Salute. Ciò significa che il bilancio dei morti aumenta tragicamente e arriva a quota 35.918.

Secondo quanto rilevato dal fisico Giorgio Sestili – fondatore e curatore della pagina Facebook “Coronavirus: Dati e analisi scientifiche” – questo aumento record di nuovi casi potrebbe essere ricollegabile ai primi effetti della riapertura delle scuole che hanno ripreso le loro attività proprio due settimane fa, con tutto ciò che ne consegue – ha sottolineato Sestili – “dal maggiore utilizzo dei mezzi pubblici all’aumento dei contagi intrafamiliari, come è stato rilevato anche nelle analisi dell’Istituto superiore di sanità”.

L’andamento della curva epidemica dei prossimi giorni consentirà dunque di verificare se questo forte incremento dei contagi è davvero una prima conseguenza della riapertura delle scuole. I nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore hanno sfondato “la soglia psicologica dei 2mila contagi giornalieri” ma in ogni caso, secondo Sestili, “non dobbiamo stupirci se questo dato continuerà ad aumentare”, anche se – va sottolineato – bisogna andare indietro fino al 29 aprile per ritrovare un numero di nuovi casi così elevato. “Di positivo – ha spiegato l’esperto – c’è il fatto che il numero dei casi diagnosticati e quello dei tamponi eseguiti è ancora basso e l’Italia resta al momento lontana dai valori segnalati in altri Paesi europei“.