15/05/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Coronavirus, si va verso la proroga dell stato d’emergenza fino al 31 dicembre. Così il premier Conte

2 min read

La proroga dello stato di emergenza per il coronavirus arriverà tramite un provvedimento ad hoc. Nessuna decisione ufficiale è ancora stata presa sulla nuova data di scadenza ma, secondo quanto riferiscono diverse fonti di governo, è probabile che venga fissata al 31 dicembre. La decisione è stata anticipata dal premier Conte che ha detto: “è una decisione collegiale da prendere in Consiglio dei ministri. Faccio solo una riflessione anticipatoria, lo stato di emergenza non significa che non teniamo sotto controllo il virus. ma semplicemente che siamo nella condizione di continuare ad adottare le misure necessarie, anche minimali. Ragionevolmente lo prorogheremo fino al 31 dicembre“. Così il presidente del Consiglio a margine della prova generale di innalzamento delle 48 paratoie del Mose, a Venezia.

Intanto a Bologna, dopo il focolaio al polo logistico della Brt, il settore continua a essere sorvegliato speciale: un nuovo focolaio, con 18 positivi, è stato scoperto nella filiale del corriere Tnt. Dopo che due lavoratori erano risultati positivi, sono stati tracciati i loro contatti, riuscendo così a individuare gli altri casi che, spiega l’azienda, “riguardano soggetti asintomatici”.

E’ rientrata, invece, l’emergenza alla Rsa Madonna del Pozzo di San Salvatore Monferrato, in provincia di Alessandria. I tamponi effettuati nei giorni scorsi a ospiti e personale hanno dato tutti esito negativo. A metà giugno erano 21 gli ospiti, su 54, positivi al Covid-19, oltre a 11 dipendenti, tra Oss e infermieri, su una equipe di 38 persone. Gli anziani trasferiti per essere curati hanno sconfitto il virus e presto faranno ritorno nella struttura.

Nel Lazio, l’indice Rt è salito a 1,13 segnando un livello di rischio moderato. Lo ha comunicato l’Unità di Crisi regionale, sottolineando che dei 23 nuovi casi 11 sono di importazione e di questi 8 con link di ritorno dal Bangladesh, uno dal Nicaragua, e due di ritorno da Milano.