19 Gennaio 2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Covid, il premier Conte: “Blocco dei licenziamenti fino a fine marzo”

2 min read

Durante un incontro con i sindacati, il premier Giuseppe Conte ha annunciato: “Il blocco dei licenziamenti viene prolungato fino alla fine di marzo. Stiamo vivendo una situazione complessa, con tanta preoccupazione e sofferenza. Per questo il governo ritiene di dover fare uno sforzo finanziario ulteriore e dare un messaggio a tutto il mondo lavorativo di certezza e sicurezza. Fino alla fine di marzo sarà tutto bloccato, offriamo un orizzonte certo a tutti i lavoratori italiani. Affrontiamo la sfida della pandemia ma cercheremo di preservare i livelli occupazionali”.

Dopo l’annuncio del presidente del Consiglio è andato in scena un siparietto tra il premier e i sindacati. Conte ha infatti chiesto se i leader delle parti sociali avessero osservazioni da fare. Dopo un lungo silenzio ha quindi sollecitato: “Ma siete senza audio, che non funziona, o siete rimasti senza parole?”. “La seconda che ha detto, presidente”, ha risposto il leader della Cgil, Maurizio Landini. E il ministro dell’Economia Gualtieri, ha commentato ironico: “Dalla gioia, spero…”

All’incontro con i leader di Cgil, Cisl e Uil, Landini, Furlan e Bombardieri, era presente anche il ministro del Lavoro. Nunzia Catalfo ha detto: “I licenziamenti resteranno bloccati fino a fine marzo e tutte le imprese potranno accedere alla cassa integrazione Covid-19 gratuita per lo stesso periodo, cioè ulteriori 12 settimane nel 2021. E’ un segnale importante per lavoratori e aziende in un momento delicato come quello che l’Italia sta attraversando. Già dalla prossima settimana avvierò il confronto con le parti sociali per la riforma degli ammortizzatori sociali e il rafforzamento delle politiche attive del lavoro”.