1 Ottobre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Covid, in Lombardia mascherine all’aperto fino al 14 luglio. In Veneto tamponi obbligatori a badanti di rientro da Paesi extra Ue

2 min read

In Lombardia sta per arrivare una nuova proroga dell’obbligo di indossare le mascherine all’aperto. L’annuncio arriva dal governatore della Regione Attilio Fontana che, a margine di un evento alla Fondazione Stelline di Milano, parla di un prolungamento della misura fino al 14 luglio. Una “questione di precauzione”, spiega Fontana rispondendo alle domande dei giornalisti. “Credo che continueremo ancora per 15 giorni. Abbiamo parlato a lungo con tanti esperti e riteniamo che sia giusto proseguire in questa direzione, visto che i numeri stanno andando bene”. L’ordinanza regionale è attesa a breve.

“Nonostante il fastidio della mascherina soprattutto con il caldo di luglio – ribadisce poi il governatore lombardo sulle sue pagine social – sono dell’idea che occorra proseguire con il suo mantenimento sino al 14 luglio”. “Fa caldo, molto caldo, ma il parere dei virologi è ancora di mantenere le precauzioni anti contagio, prima fra tutte, l’uso della mascherina. Come vedete anch’io la indosso, non senza sacrificio”, aggiunge postando una sua foto che lo ritrae con la protezione su naso e bocca.

L’obbligo in Lombardia era inizialmente previsto fino a fine mese, mentre altre Regioni lo avevano rimosso già all’inizio della Fase 3: il Veneto già dal 1 giugno aveva sollevato i suoi abitanti dall’obbligo di coprire naso e bocca ogni volta che si esce di casa, il Piemonte dal 2. La Campania aveva esteso l’ordinanza fino al 15 giugno.

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha invece annunciato che verranno predisposti test obbligatori e gratuiti per le badanti che rientrano in Italia dai paesi extra Ue riprendendo il loro servizio nelle famiglie in Veneto. Il governatore ha sottolineato che per usufruire del servizio bisognerà rivolgersi al sistema sanitario regionale, a partire dai medici di base. “E’ una maniera per proteggere gli anziani e i loro familiari”, ha detto Zaia, spiegando che “i tamponi verranno fatti in tempo reale”. Il rientro dai paesi extra Ue è previsto dal 1 luglio.