29/06/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Ema: ok a terza dose vaccino per immunodepressi. Oggi 1.612 contagi Covid e 37 vittime

2 min read

L’Ema ha dato il via libera alla terza dose dei vaccini anti-Covid di Pfizer e Moderna per gli immunodepressi a distanza di almeno 28 giorni dalla seconda dose. Al vaglio dell’Agenzia europea c’è anche l’autorizzazione per l’immissione in commercio dell’anticorpo monoclonale Regkirona per il trattamento di adulti con Covid-19 che non richiedono ossigeno supplementare e che sono a maggior rischio di progredire verso la forma grave della malattia. La raccomandazione dell’Agenzia europea del farmaco arriva dopo la dimostrazione clinica che una dose extra dei vaccini ha aumentato la capacità di produrre anticorpi contro il virus nei pazienti sottoposti a trapianto di organi con sistema immunitario indebolito.

Anche tre studi condotti all’Ospedale Bambino Gesù di Roma su soggetti vulnerabili, hanno portato a consigliare una terza dose. Secondo i dati emersi: tre pazienti immunodepressi su dieci non rispondono al vaccino anti-Covid. Sette su dieci sviluppano anticorpi e linfociti specifici contro il virus, soprattutto dopo la seconda dose, ma in quantità inferiori rispetto alle persone sane.

Terza dose aumenta la produzione di anticorpi anche nei soggetti sani. L’Ema ha valutato che un richiamo del vaccino Comirnaty di Pfizer, contribuisce all’aumento della produzione di anticorpi nelle persone di età compresa tra i 18 e i 55 anni quando viene somministrato ad almeno sei mesi di distanza dalla seconda dose. Resta invece oggetto di valutazione la somministrazione di una terza dose del vaccino Spikevax di Moderna.

I dati su contagi e vittime. L’ultimo bollettino del ministero della Salute indica che i nuovi contagi da coronavirus sono 1.612, su 122.214 tamponi, per un tasso di positività pari all’1,3%. Le vittime sono 37, mentre i guariti sono 2.446. Aumentano i ricoveri, 41 in più nei reparti ordinari e sei in più nelle terapie intensive.