Emergenza migranti: Germania e Austria aprono le frontiere. Centinaia di pullman in arrivo dall’Ungheria

Dopo la decisione dei migranti di raggiungere a piedi la capitale austriaca, essendo stati bloccati tutti i treni da Budapest a Vienna, l’Austria e la Germania hanno deciso di aprire le frontiere e di aiutare il trasferimento delle migliaia di persone che principalmente da Siria, Afghanistan e Kazakistan, hanno tentato in questi giorni di raggiungere l’Europa occidentale passando per la rotta dei Balcani.

Secondo le autorità austriache si prevedono circa diecimila profughi alle porte del paese, stessa previsione della Germania. La cancelliera Merkel dal canto suo ha assicurato la popolazione tedesca che la nazione potrà ospitare gli oltre 105mila arrivati ad agosto e gli 800mila totali previsti per l’intero anno senza gravare sulle finanze dei suoi concittadini, grazie alla situazione positiva del bilancio tedesco. Ammonisce però l’Europa dichiarando che l’intero sistema va rivisto e che si deve attuare una più equa redistribuzione dei migranti. Inoltre ha precisato che “il diritto fondamentale all’asilo politico non prevede una limitazione del numero di richiedenti asilo”.

Intanto a Monaco, i cittadini attendono l’arrivo dei treni stracolmi di profughi mostrando grande solidarietà verso i richiedenti asilo. Alla stazione in tantissimi hanno portato buste di abiti, giocattoli, peluches, penne e tutto ciò che possa dare un primo supporto e rendere l’arrivo di queste persone meno duro, soprattutto per i bambini.

Sul fronte Ue è stato chiesto da più parti un vertice straordinario dei capi di stato vista la situazione ma, per il momento, a Bruxelles non si prevede nessun vertice sull’immigrazione prima del Consiglio europeo già in programma per il 15 e 16 ottobre prossimi

News Correlate

Lascia un Commento