10/04/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Festival di Sanremo a prova di Covid: 75 pagine di protocollo per blindare l’Ariston

2 min read

Penso che un Sanremo così…non ritorni mai più, o almeno si spera. Organizzazione stravolta a causa della pandemia di coronavirus e niente pubblico.

Potrebbe arrivare già oggi il via libera del Cts al serratissimo protocollo organizzativo e sanitario per il festival di Sanremo in tempi di pandemia che prevede tra l’altro, tamponi ogni 72 ore per tutti coloro che entrano all’Ariston, ma non solo.

Planimetrie dettagliate, accessi e percorsi diversificati per cast, artisti, orchestrali, regole stringenti per prove ed esibizioni con ‘tetti’ di affollamento per ogni area, obbligo assoluto di indossare la mascherina Ffp2 e di rispettare le abituali norme di distanziamento e igiene ( fatta eccezione per conduttori, cast ed eventuali ospiti in video durante la diretta), sanificazione di microfoni di cantanti e coristi e di tutti gli oggetti di scena.
Questo in sintesi il contenuto di 75 pagine che la Rai ha messo nero su bianco per blindare l’Ariston in vista di Sanremo 2021, in programma dal 2 al 6 marzo.

Oltre alle disposizioni per tutti gli addetti durante le fasi di preparazione, il protocollo disciplina in maniera precisa anche le prove e le dirette: Amadeus, Fiorello, le co-conduttrici, il cast e i cantanti in gara non saranno presenti contemporaneamente sul palco, entreranno singolarmente, dal camerino al backstage potranno indossare la mascherina chirurgica per evitare di danneggiare il trucco. Durante le serate, senza mascherina, dovranno mantenere una distanza di 1,5 metri fra loro e di 2 metri dal resto del personale. Distanziamenti minimi sono previsti anche per i gruppi in gara e per i 60 orchestrali, ognuno dei quali avrà un camerino dedicato al piano Roof. I musicisti, potranno togliere la Ffp2 solo quando saranno in postazione. Melle buche ci saranno distanze minime e barriere in policarbonato.

Ospiti e cantanti arriveranno già vestiti per l’esibizione. Gli artisti in gara saranno prelevati dai camerini posti ai vari piani dell’Ariston e portati nella Green room in attesa di passare nella Red room (per i ritocchi di make-up e capelli) e, poco prima dell’inizio dell’esibizione, nel retropalco. A fine esibizione, avranno una nuova mascherina chirurgica e andranno nella Blu room per l’intervista radiofonica.

Vuota la galleria, dove troveranno posto, in prima fila, al massimo 20 fotografi. Se qualcuno presenta i sintomi del Covid, sarà messo immediatamente in isolamento e sottoposto agli approfondimenti diagnostici.

Dunque quello di quest’anno si annuncia un festival super blindato e per gli amanti delle ‘ore piccole’, visto che la kermesse canora, sarà in diretta dalle ore 20.40 circa per la durata di ben cinque ore, per tutte e cinque le giornate.