20 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Festival di Sanremo vince Mahmood: “sono italiano al 100%”

3 min read

Non sarà stato il Sanremo più ascoltato di sempre ma sicuramente uno dei più chiacchierati. Il trionfo di Mahmood con il brano “Soldi” non è infatti piaciuto proprio a tutti a partire dal vicepremier Matteo Salvini che dopo la proclamzione del vincitore twitta: “Mahmood…………… mah………… La canzone italiana più bella?!? Io avrei scelto Ultimo, voi che dite??”

Mahmood è lo pseudonimo di Alessandro Mahmoud, nato a Milano, da padre egiziano e madre della Sardegna e rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest 2019.

Travolto dalla sorpresa della vittoria e dalle domande dei giornalisti, ​l’artista aveva subito commentato: “Sono un ragazzo italiano, nato e cresciuto a Milano. Nel mio brano ho messo una frase araba che era un mio ricordo. Ma sono italiano al 100%”. Il suo brano racconta la storia della sua vita, e il difficile rapporto con il padre, che l’ha abbandonato.

Tra i commenti alla sua vittoria a stretto giro arriva anche quello dell’ex fidanzata del ministro dell’Interno, la showgirl Elisa Isoardi: “La dimostrazione che l’incontro di culture differenti genera bellezza”. Cha si sia trattato di una stoccata a distanza al leader della Lega dopo la rottura?

Caustico il commento del secondo classificato Ultimo alias Niccolò Moriconi, il cantautore romano vincitore di Sanremo 2018. “Non ho mai avuto la pretesa di vincere, come invece avete pensato voi tirandomela. Io mi sono grattato, ma non è servito. La mia vittoria sarà dopo il Festival, saranno i live, la gente che mi vuole bene e si riconosce in quello che scrivo. Sono contento di aver partecipato. E sono contento per il ragazzo… Mahmood”. Ultimo, secondo classificato al Festival di Sanremo, in conferenza stampa accende la polemica. Con i giornalisti che gli fanno notare che ha chiamato in maniera fredda “ragazzo” il collega: “Avete questa settimana per sentirvi importanti e rompete il cazzo. Qualunque cosa dirò avrete qualcosa da ridire”, dice Ultimo scaldando l’atmosfera.

Terza posizione per Il Volo con il brano ‘Musica che resta’.

Daniele Silvestri conquista il Premio della Critica Mia Martini e il premio della sala stampa Lucio Dalla e il premio della Giuria d’Onore. Il premio Sergio Endrigo alla migliore interpretazione lo vince Simone Cristicchi.

La classifica dal quarto al 24esimo posto vede nell’ordine Loredana Berté, Simone Cristicchi, Daniele Silvestri, Irama, Arisa, Achille Lauro, Enrico Nigiotti, Boomdabash, Ghemon, Ex-Otago, Motta, Francesco Renga, Paola Turci, The Zen Circus, Federica Carta e Shade, Nek, Negrita, Patty Pravo e Briga, Anna Tatangelo, Einar, Nino D’Angelo e Livio Cori. Il pubblico dell’Ariston non l’ha presa benissimo: in platea fischi alla lettura dei risultati e grida di sostegno alla Berté.

A smuovere la serata un po’ grigia dell’Ariston ci ha pensato Eros Ramazzotti, tornato al Festival 35 anni dopo. Lui che ha portato la musica italiana nel mondo ripropone “Vita ce n’è”. Poi canta “Adesso tu”, che nel 1986 vinse Sanremo, con Claudio Baglioni e con Luis Fonsi, (unica star internazionale di questo Sanremo) canta il nuovo singolo “Per le strade una canzone”. E così la platea resuscita e scatta in piedi a ballare.
Elisa invece porta il suo ultimo singolo Anche fragile e non si sottrae alla legge dei duetti con il padrone di casa: omaggi a Luigi Tenco sulle note di Vedrai vedrai.

La serata conclusiva del Festival di Sanremo, è stata seguita in media da 10 milioni 622 mila telespettatori con uno share del 56.5%. Nel 2018 la finale del primo festival diretto da Claudio Baglioni era stata seguita da una media di 12 milioni 125mila telespettatori, pari al 58.3% di share.