Gnocchetti di pane

Chi legge o ascolta Cucina Con Noi è una persona che ama cucinare, che vuole riscoprire le tradizioni ed i sapori di una volta oppure che  vuole togliersi qualche curiosità. Io rubo ricette ovunque e mi diverto a riproporle in casa mia in vario modo.

Oggi ad esempio, vi trasmetto una ricetta piacentina che un’amica mi ha fatto assaggiare, quella degli gnocchetti di pane con ragù e salsicce. Emilia, l’autrice, mi ha detto di averla appresa dalla mamma e la versione originaria prevede il condimento con fagioli in umido, sta a voi scegliere.

Segnate gli ingredienti per realizzare gli gnocchetti poi decidete voi se accompagnarli con ragù o con fagioli, vi occorreranno: 2/3 di pangrattato; 1/3 di farina; 1 uovo ogni 200 gr di pangrattato; sale fino; latte bollente per amalgamare.

Dunque, io per 4 persone ho utilizzato 500gr di pangrattato, 2 uova e 160 gr di farina, per il latte scaldatene circa 400 ml e tenetelo caldo vicino a voi in un bricchetto, ne utilizzerete mano a mano il necessario, fino ad ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso.

Disponete a fontana pane grattugiato e farina, un pizzico di sale, le uova e sbattetele con una forchetta poi a filo aggiungete il latte ed amalgamate a mano a mano fino ad ottenere una palla, ricavatene tanti segmenti che taglierete a dadini come per i normali gnocchetti, ma più piccoli che potete, mi raccomando, affinché possano condirsi meglio!

Nel frattempo preparate il vostro condimento. Io ho preparato un bel ragù ed ho anche messo nel sugo una salsiccia macinata a testa. Mettete, poi, a scaldare l’acqua per la cottura degli gnocchetti e quando bolle buttateli giù. Saranno cotti in pochi minuti e ve ne accorgerete perché verranno un pochino a galla.

Tuffateli nel condimento e disponete in appositi coccetti nel caso di condimento con fagioli o in altri piatti a vostro piacimento, con una salsiccia per commensale nel caso di ragù.

Vi garantisco che sono buonissimi e molto sostanziosi, se unite al sugo le salsicce diventa poi un piatto unico che persino i più piccoli mangeranno con piacere.

Grazie Emilia e grazie alle mamme che ci trasmettono tanti segreti in cucina. Aveva proprio ragione Victor Hugo:una buona madre vale cento maestri”.
Abbiate cura delle vostre e prendete spunto da loro ogni giorno, nel frattempo io vi saluto e Vi aspetto al prossimo appuntamento di Cucina con Noi.

News Correlate