4 Dicembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

I Millennials posticipano la vita di coppia pensando prima al successo individuale

3 min read

L’amore ai tempi dei Millennials. Come vive l’amore la famigerata generazione Y?

A svelarlo è una ricerca messa a punto negli Stati Uniti, che scandaglia nella vita sentimentale dei giovani nati fra il 1981 e il 2000. I protagonisti, inseriti a pieno titolo in questa fascia d’età, sono diventati molto più esigenti nella ricerca del partner rispetto agli appartenenti alle generazioni precedenti. Fra i Millennials è cresciuta l’idea precisa che il buon andamento di una coppia dipenda essenzialmente dal successo e dalle ambizioni dei singoli. Anche in Italia i numeri non smentiscono la tendenza di massima. Tendenza che vede diminuire i matrimoni e aumentare l’età di chi decide di sposarsi. I più giovani non si lasciano coinvolgere tanto facilmente dai sentimenti e se non disdegnano sedurre, ponderando abilmente le frasi per conquistare una ragazza, pensano ad una relazione seria solo dopo un bel po’ di tempo.

I fiori d’arancio germogliano sempre più tardi

Come si legge sfogliando le pagine dello studio Usa i giovani sono sempre meno propensi a coronare la loro storia d’amore con un matrimonio. Se lo fanno sono davvero convinti che sia la storia della vita, e che l’unione sia destinata a durare, ma sia soprattutto soddisfacente. Per questo attendono e posticipano i fiori d’arancio scegliendo egoisticamente di essere felici singolarmente, ed appagati magari in ambito lavorativo, prima di affrontare la vita di coppia. Fra i più giovani è quindi cambiato il pensiero sull’amore e le esigenze per godere di una vita felice anche a due. Insomma il successo della relazione è direttamente proporzionale al successo ottenuto separatamente dai due partner. Arrivare al matrimonio, con una buona dose di convinzione, forse è la conseguenza dei rapporti difficili vissuti dai genitori e dai tanti divorzi che le generazioni più giovani hanno subito di conseguenza sulla loro pelle. I Millennials hanno esigenze diverse e vogliono godere d’un rapporto sicuro.

Il piacere della conquista affascina: la frase giusta al momento opportuno

Il piacere della conquista non ha età, ma non esistono cliché, frasi fatte che consentono magicamente di ottenere un risultato. Chi pensa che siano una serie di paroline magiche a far scattare la conquista è fuori strada. Ogni situazione, ogni rapporto, è una realtà a sé stante, e qualsiasi approccio che si rispetti non deve poggiare su frasi riciclate o banali. Meglio puntare su una frase imperfetta, in grado di strappare una risata e dimostrare che l’interlocutore ha una personalità ben precisa, e non intende uniformarsi alla massa. Il modo migliore di proporsi è quello di esprimere le proprie emozioni in maniera sincera e diretta senza ricorrere alla teatralità, che risulterebbe falsa e costruita.

Il messaggio corre sui social

Oggi gran parte della comunicazione coinvolge i social, soprattutto fra i più giovani, anche in tema di relazioni e sentimenti. Sono frequenti soprattutto in fase di primo approccio le comunicazioni via chat, che considerano un’esposizione divertente e scanzonata, per proporsi in maniera spassosa ed ironica. A guastare il confronto, è bene non dimenticarlo, potrebbe essere un modo di proporsi superficiale e banale.