04/12/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Il dialogo col governo spacca il centrodestra: Salvini grida all'”inciucio”. Tre deputati di Fi passano alla Lega

2 min read

Il centrodestra si spacca sull’ipotesi di dialogare con il governo. Dopo le aperture del presidente del Consiglio e i messaggi di dialogo di Silvio Berlusconi non è solo Matteo Salvini ad attaccare e a gridare all'”inciucio”. Il malumore è scoppiato anche dentro Forza Italia. Tre deputati azzurri alla Camera hanno infatti deciso di lasciare il partito dell’ex cavaliere annunciando l’adesione alla Lega. Si tratta di Laura Ravetto, Federica Zanella e Maurizio Carrara che accusano: “Viviamo con disagio le sempre più ampie aperture al governo e gli ammiccamenti con il Partito democratico” si legge nella nota di addio. Uno strappo destinato però a non restare isolato, soprattutto dopo che l’ex capo politico M5s Luigi Di Maio su Facebook, postando un articolo de Il Mattino del 2018 che titolava: “Berlusconi chiama, Di Maio si gena al telefono: ‘No, grazie’”, ha commentato “Era così allora, è così oggi”.
 
Il primo ad attaccare l’ex Cavaliere in mattinata era stato il segretario del Carroccio: “L’appello di Mattarella è alla collaborazione, non all’inciucio e ai rimpasti. Mi sembra che per Pd, M5S, Renzi e anche per qualche pezzo di Forza Italia si stia parlando di posti, non di cose da fare” ha attaccato Matteo Salvini che non ha gradito la disponibilità dell’opposizione offerta da Silvio Berlusconi a mettersi al servizio del Paese e l’appello lanciato al governo a collaborare in un momento così delicato. Per il leader leghista, quindi, “c’è una certa ambiguità”.