27/02/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Il punto sul campionato al termine del girone d’andata, tra numeri e statistiche

3 min read

Giro di boa per la Serie A 2020-2021. Al termine della 19° giornata di campionato, prima di commentare le partite della domenica, andiamo ad analizzare questo girone di andata grazie ai numeri. Diciamo subito che la classifica si è scremata e le prime 7 in classifica di oggi, salvo colpi di scena, si giocheranno scudetto, zona Champions e zona Europa League. Ma, rispetto alla classifica finale del girone d’andata della stagione 2019-2020, c’è un forte livellamento verso il basso. Cioè, le prime due di oggi hanno meno punti delle prime due di ieri. Milan campione d’inverno nonostante la batosta rimediata sabato contro l’Atalanta. Ricordiamo però quello che dice la statistica: nel 69% dei casi, chi vince il platonico scudetto d’inverno, alla fine si laurea pure campione d’Italia. Per noi, però, la favorita numero uno rimane l’Inter.

Statistiche e raffronti. L’anno scorso guidava la Juventus con 48 punti (bianconeri ora quarti con 12 punti di meno), oggi il Milan con 43 (i rossoneri dal canto loro hanno 18 punti in più di un anno fa). Al secondo posto c’era l’Inter con 46 punti, attualmente i nerazzurri sono secondi con 41 (-5). Terza era la Lazio a quota 43 (ora 7° a 34), al momento invece al terzo posto troviamo la Roma con 37 punti (i giallorossi hanno due punti più dell’anno scorso). Sostazialmente stabile l’Atalanta, quinta con la Juve (+1); in crescita il Napoli (+10) ma solo sesto (un anno fa alla luce del caos Ancelotti partenopei all’undicesimo posto). Precisiamo che Juventus e Napoli hanno una gara in meno.

Altri numeri significativi: l’Inter ha il miglior attacco con 45 gol fatti, la Juve la miglior difesa con 18 gol subiti. Ed eccoci alle gare della domenica calcistica. Dopo la brutta sconfitta contro l’Inter e la vittoria in Supercoppa italiana, la Juventus torna a vincere in campionato battendo 2-0 il Bologna all’Allianz Stadium. Apre i giochi Arthur con la sua prima rete italiana (anche se è decisiva l’involontaria deviazione di un calciatore dei felsinei), raddoppia nella ripresa l’ottimo McKennie. Ottava vittoria casalinga di fila per la squadra di Pirlo che accorcia sulle milanesi prime della classe. Ma ancora una volta non è tutto oro quel che luccica: nella ripresa infatti il Bologna ha sfiorato più volte il pareggio, prima del 2-0 di McKennie.

Scorie di Supercoppa letali per il Napoli al Bentegodi. I partenopei cadono a Verona contro una grande Hellas. Lozano illude i partenopei, dopo è buio pesto: 3-1 per gli scaligeri. Il messicano degli azzurri segna dopo meno di 10 secondi, poi Demme spreca il raddoppio e alla distanza i veneti dominano: gol di Dimarco, Barak e Zaccagni. Curiosità su Lozano e il suo gol lampo: l’attaccante messicano ha sbloccato la sfida dopo appena 8″ e 95 centesimi dal fischio d’inizio. Cioè, il terzo gol più veloce nella storia del Napoli e il terzo più veloce di sempre in Serie A. In testa c’è Leao del Milan, quest’anno a segno contro il Sassuolo dopo 6 secondi e 76 centesimi. La piazza d’onore è più lontana nel tempo: dicembre 2001, Paolo Poggi, all’epoca al Piacenza, segna dopo 8 secondi in Fiorentina-Piacenza 1-3.

La Lazio ribalta il Sassuolo all’Olimpico. Ai neroverdi non basta la rete di Caputo in apertura di match: prima Milinkovic-Savic poi il solito Immobile fissano il 2-1 finale. Per super Ciro rete numero 13 in questo torneo: superati Ibrahimovic e Lukaku fermi a 12. Comanda sempre Cristiano Ronaldo con 15 gol. Sul fronte lotta salvezza, preziosa vittoria del Genoa che al Ferraris supera 1-0 il Cagliari. Mattia Destro segna, il portiere Perin conserva. Dunque, la cura Ballardini continua a fare bene al Grifone. Sesta sconfitta di fila invece per i sardi, ora terzultimi insieme al Torino. Di Francesco sembrava destinato all’esonero e invece il patron del Cagliari Tommaso Giulini a fine partita ha annunciato il rinnovo di contratto per il tecnico. A completare il quadro del 19° turno, il successo della Sampdoria a Parma: 2-0 per i doriani. Il girone di ritorno scatta venerdi prossimo con Torino-Fiorentina.