Inps: in 20 giorni 76.000 imprese hanno chiesto di assumere con gli sgravi

Nel mondo del lavoro italiano si apre un altro spiraglio di luce. Questo grazie alla legge di Stabilità 2015 che permette alle aziende di non versare contributi previdenziali per tre anni sulle assunzioni (fino ad un tetto di 8060 euro) a tempo indeterminato avvenute nel corso del 2015.

“I primi dati che abbiamo sono incoraggianti: nei primi 20 giorni di febbraio, 76.000 imprese hanno fatto richiesta”. A dirlo è stato il presidente dell’Inps, Tito Boeri, spiegando che l’istituto fornirà “sistematicamente” i dati con la comparazione rispetto agli anni precedenti.

Il presidente dell’Istituto ha anche aggiunto che le persone coinvolte dalle assunzioni potrebbero essere molte di più di quelle 76.000 richieste arrivate.

L’annuncio di Boeri è arrivato nel corso di una conferenza stampa per la firma della convenzione tra Inps, sindacati e Confindustria, sull’attività di raccolta, elaborazione e comunicazione dei dati sulla rappresentanza delle organizzazioni sindacali. Durante l’incontro il presidente dell’Inps ha precisato: “Non abbiamo parlato di pensioni con i sindacati”.

Il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, ha detto di aspettare la convocazione del governo sulle modifiche alla riforma Fornero mentre il numero uno della Cgil, Susanna Camusso, ha sottolineato la necessità di discutere sia di modifiche alla legge Fornero sia della riforma alla governance dell’Inps.

Boeri ha replicato alle richieste di confronto anche con l’Inps dicendo che l’Istituto “non si sottrarrà” alla discussione.

News Correlate

Lascia un Commento