24/07/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Johnson: “Limitare l’export di vaccini mette a rischio la lotta al virus”. Di Maio: “rispetto dei contratti”

1 min read

Un portavoce di Boris Johnson all’indomani della decisione italiana di bloccare l’export di 250.000 dosi AstraZeneca dirette in Australia ha dichiarato: “La ripresa dal Covid dipende dalla cooperazione internazionale, e porre in atto restrizioni mette a rischio la battaglia globale dei vaccini”. Successivamente il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha replicato: “Massima solidarietà per i Paesi in difficoltà ma Italia ed Europa devono pretendere il rispetto dei contratti firmati e la tempistica delle forniture”.

Downing Street non ha citato il governo italiano, ma ha ricordato come Johnson abbia avuto rassicurazioni da Ursula von der Leyen sulla “volontà Ue di non limitare le esportazioni” delle case farmaceutiche, limitandosi a “controllarne la trasparenza. Ci aspettiamo che questi impegni siano rispettati”.

Il premier Draghi pochi giorni fa ha partecipato al Consiglio Ue a 27 chiedendo di posticipare il programma dell’Onu Covax per la distribuzione di vaccini ai Paesi poveri. Secondo il quotidiano Le Monde il presidente del Consiglio si sarebbe opposto, oltre all’invio dei vaccini in Australia, anche ai 13 milioni destinati all’Africa. Una proposta quest’ultima avanzata dalla Commissione Ue.