05/10/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

La bomba di Liverpool è un ‘atto terroristico’. Johnson: “il tassista è un eroe”

2 min read

Per la polizia di Liverpool quello di domenica 14 novembre, è stato un attentato terroristico in piena regola. C’è ancora mistero sull’identità e sul movente dell’attentatore morto sul colpo dopo che si è fatto esplodere nel taxi ferendo David Perry, il ‘tassista eroe’ che insospettito dall’uomo, lo ha chiuso all’interno del veicolo dopo essere sceso dal mezzo. La polizia , pur non rivelando pubblicamente la sua identità, ieri pomeriggio, ha arrestato tre uomini tra i 21 e i 29 anni nella zona di Kensington, periferia est di Liverpool, in base alle normative del “Terrorist Act”. Stamattina le manette si sono strette ai polsi di un quarto sospettato, dopo le operazioni di perquisizione durate tutta la notte a Sefton.

Inoltre, sempre secondo le notizie trapelate, l’attentatore avrebbe fabbricato la bomba in casa e ha preso il taxi, chiedendo di essere portato all’ospedale femminile di Liverpool. Smentita, almeno per il momento, l’ipotesi che invece l’obiettivo dell’attentatore fosse la vicina Cattedrale di Liverpool dove proprio in quei minuti, era in atto l’annuale Remembrance Day, ossia la cerimonia di ricordo dei caduti in guerra del Regno Unito.

Downing Street ha convocato la commissione Cobra per le emergenze nazionali e ha alzato il livello di allerta terrorismo a “severo”, che in gergo significa che un attacco “è molto probabile”.

Se la tragedia è stata evitata, lo si deve al tassista, che il primo ministro Boris Johnson e la sindaca di Liverpool hanno definito ‘un eroe’. “È stato lui a evitare il disastro all’ospedale”, ha spiegato alla Bbc la prima cittadina Joanne Anderson: “A lui vanno i nostri ringraziamenti, così come ai servizi d’emergenza e alle autorità che hanno lavorato per tutta la notte per fornire l’appoggio che serviva”.

Nel frattempo è stato diffuso da diversi media britannici il filmato dell’esplosione, in cui si vede proprio Perry mentre esce dal taxi poco dopo l’esplosione e prima che la vettura venga avvolta dalle fiamme.