29 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Le serie tv di maggio ci “salvano” ancora la quarantena. Dark? E’ la regina di Netflix!

3 min read

Atmosfere oscure, misteriose, segrete dove un vortice di tensione vi trascina da un episodio all’altro. Se questo è quello che cercate, allora è arrivato ufficialmente il momento di guardare “Dark”, appena eletta migliore serie TV Netflix di sempre. A stabilirlo è un sondaggio lanciato da Rotten Tomatoes tra i propri utenti: la serie tedesca ha stracciato tutte le concorrenti. Il thriller fantascientifico, che ha appassionato milioni di spettatori, ha battuto serie di alto livello come “The Crown”, “Mindhunter” e “Peaky Blinders”, superando in finale, con l’80% delle preferenze, la premiatissima serie tv distopica Black Mirror che, nell’altra semifinale, aveva sconfitto a sua volta “Stranger Things”.

“Dark”, creata da Baran Bo Odar e Jantje Friese, ha già in attivo due stagioni che con una trama fittissima, viaggi temporali e una fotografia straordinaria, hanno fatto breccia nel cuore di milioni di appassionati. La terza stagione è attesa per il 27 giugno 2020.

Ora invece… immaginate un mondo sottozero, sotterrato da un manto di ghiaccio e neve bianca mentre quel che resta dell’umanità è stipato su un treno di mille vagoni, un microcosmo di società umana diviso in classi sociali. Questi gli elementi base di “Snowpiercer” la travagliata serie Netflix tratta dal film omonimo di Bong Joon-ho (recente premio Oscar per Parasite), che a sua volta affonda le radici nell’universo fumettistico creato da Jacques Lob e Jean-Marc Rochette. Quest’ultima versione attua una specie di reboot rispetto alla pellicola e lancia in queste ore un teaser trailer che ne annuncia l’arrivo su Netflix. Farà finalmente il suo debutto negli Stati Uniti il 17 maggio, per arrivare da noi il 25 maggio.

Netflix si prepara a dare il via a un prodotto che sembra destinato al successo: “Space Force”, disponibile dal 29 maggio. Dall’idea dello showrunner Greg Daniels e l’attore Steve Carell nasce una trama originale per una serie che promette scintille.

Il prodotto parla del lancio di una nuova armata spaziale. L’idea della serie nasce da un fatto reale, una proposta del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump che nel giugno del 2018 annunciò di avere ordinato al Dipartimento della Difesa e al Pentagono di sviluppare, come dice il titolo Netflix, una Space Force: un sesto ramo delle forze armate incaricato di difendere gli Stati Uniti dalle minacce provenienti dallo spazio.

Amazon Prime Video porta in Italia invece, dal 22 maggio, “Little Fires Everywhere”, una delle serie tv più acclamate del momento, finora trasmessa solamente oltreoceano. Protagoniste e produttrici dell’adattamento televisivo dell’omonimo romanzo di Celeste Ng sono Reese Witherspoon e Kerry Washington nei panni rispettivamente di Elena e Mia, due donne forti e molto diverse che entrano presto in conflitto. 8 episodi che non hanno nulla a che vedere con i soliti racconti ambientati nella provincia americana degli avvenimenti sospetti, bensì ne emerge un racconto rassicurante nonostante al centro vi sia una familiare normalità: la vita di due madri e le problematiche che ne derivano, le debolezze e le incertezze di una vita costruita sulle apparenze. Se Reese Witherspoon, cioè Elena Richardson, è una donna che ha rinunciato a tutto ciò che amava per raggiungere la sua idea di perfezione, Kerry Washington che è Mia Warren è il suo esatto contrario e il loro incontro cambierà, radicalmente, la vita di entrambe.