10/12/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Legambiente: il ghiacciaio della Marmolada può scomparire in 15 anni

2 min read

Allarme sulla Marmolada. Il suo ghiacciaio si è ridotto di un decimo rispetto a 100 anni fa, e rischia di scomparire entro i prossimi 15 anni. E’ il risultato del monitoraggio di Legambiente, insieme al Comitato glaciologico italiano: il ghiacciaio ha perso più del 70% in superficie e più del 90% in volume.

La causa principale è da ricercare nel cambiamento climatico. Spiega Legambiente che lo scioglimento “ha mostrato una progressiva accelerazione, tanto che negli ultimi quarant’anni la sola fronte centrale è arretrata di più di 600 metri provocandone una risalita in quota di circa 250 metri. Tali cause sono da imputare alla forte inclinazione del pendio roccioso e alla progressiva apertura di un grande crepaccio che ha separato il corpo glaciale in due unità, alla presenza di discontinuità al fondo e sui lati, all’aumento anomalo delle temperature con conseguente aumento della fusione e incremento della circolazione d’acqua all’interno del ghiaccio”. L’associazione ambientalista sottolinea che “Non devono essere episodi di cronaca a ricordarci che siamo in piena emergenza”, ricordando la tragedia che il 3 luglio scorso è costato la vita a 11 persone e di cui si stanno ancora cercando le cause.

La montagna non è una luna park. Tuona Vanda Bonardo, responsabile nazionale Alpi di Legambiente: “La Regina della Dolomiti sta perdendo il suo gigante di ghiaccio più in fretta delle altre vette, occorre più consapevolezza di quel che sta accadendo e soprattutto un nuovo rapporto tra uomo-natura. Basta considerare la montagna come un luna-park e basta infrastrutturazione a tutti i costi, utile invece pensare a questa come uno straordinario spazio di sperimentazione della sostenibilità”.

Autore