31/07/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Londra, uomo accoltella passanti poi viene ucciso dalla polizia: si indaga per terrorismo

2 min read

La Gran Bretagna piomba di nuovo nel terrore. Un altro “attacco terroristico”, così come lo definisce la polizia locale, ha scosso nel primo pomeriggio Londra, questa volta la periferia sud della capitale inglese. Gli agenti sono intervenuti sul posto intorno alle 14 locali (le 15 in Italia) nel quartiere di Streatham. Intorno a quell’ora, un uomo ha iniziato ad accoltellare diversi passanti a caso in una strada di negozi e bar, prima di essere ucciso dalla polizia. Quasi in contemporanea in Belgio, a Gand, un uomo ha attaccato due persone con un coltello. La polizia gli ha sparato per fermarlo.

A Londra gli agenti sono intervenuti immediatamente e dopo un breve inseguimento hanno bloccato l’aggressore, intimandogli di mettere giù l’arma. L’uomo non ha obbedito e gli agenti hanno sparato più volte, uccidendolo. In diversi video sui social network l’uomo è immobile, riverso a terra, vicino ad un negozio di una catena di farmacie. Ignote le sue generalità. La zona intorno al luogo dell’aggressione è stata chiusa, il traffico deviato e i passeggeri costretti a scendere dagli autobus.

L’aggressore indossava un falso giubbotto esplosivo, ha reso noto Sky News, secondo cui è stato proprio l’abbigliamento ad attirare l’attenzione sull’uomo, ucciso poi nell’intervento. Scotland Yard ha confermato la morte dell’attentatore che, secondo la testimonianza del proprietario di un esercizio locale, “si è procurato il coltello in uno dei negozi della strada principale e ha accoltellato un uomo e una donna”.

Via Twitter è intervenuto il premier Boris Johnson che ha ringraziato “tutti i servizi di emergenza che hanno risposto al fatto di Streatham, che la polizia ha ora dichiarato legato al terrorismo. I miei pensieri sono con i feriti e tutte le persone colpite”. Anche il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha pubblicato un aggiornamento: “I terroristi cercano di dividerci e di distruggere il nostro stile di vita. Qui a Londra non lasceremo mai che abbiano successo”.