25/10/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Luca Morisi indagato per cessione di droga. L’ex capo dei social di Salvini si difende: “Nessun reato”

2 min read

Si era dimesso appena pochi giorni fa dalla Bestia, la potente macchina dietro ai profili social del leader della Lega Matteo Salvini, giustificando il suo addio con delle vaghe “questioni familiari”. Oggi, Luca Morisi, risulta indagato dalla Procura di Verona per cessione e detenzione di stupefacenti. E il sospetto che le due cose siano strettamente collegate prende forza in queste ore.

Pare, secondo quanto riportano Repubblica e Corriere della Sera, che nella cascina di Belfiore (Verona) del guru della comunicazione i carabinieri abbiano trovato e sequestrato una sostanza liquida. Una vicenda – secondo quanto narra la versione ufficiale dei fatti – iniziata a metà agosto quando tre giovani, beccati dalle forze dell’ordine con un flacone di droga liquida nell’auto, avevano accusato proprio Morisi di avergliela ceduta. Sostanza sulle quale gli investigatori stanno svolgendo le dovute verifiche. Non è ancora chiaro, infatti, di quale sostanza si tratti: i risultati delle analisi sui campioni raccolti dai militari possono fare la differenza fra la commissione di un reato o meno. Il Corriere scrive però che molto probabilmente Morisi “fosse sotto osservazione già da qualche settimana e il controllo apparentemente casuale dei tre giovani sia scattato proprio monitorando i suoi contatti”.

Ad ogni modo, Morisi, intervenuto poche ore dopo la diffusione della notizia delle indagini a suo carico, esclude di aver commesso reati. Piuttosto parla di una “vicenda personale che rappresenta una grave caduta come uomo”. Ed è per questo che chiede “innanzitutto scusa per la sua “debolezza” e i suoi “errori a Matteo Salvini e a tutta la comunità della Lega”.

Non si è fatto attendere il commento del leader del Carroccio che tende la mano a Morisi. “E’ un errore che non ti aspetti ma su di me potrai contare. Sempre” le parole di Matteo Salvini.