27/01/2023

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Manovra, nuove modifiche: l’esenzione del Pos sale a 60 euro. Stop all’Imu per le case occupate

2 min read
La manovra economica è attesa domani alle Camere con qualche grossa modifica. Due le più rilevanti: nell’ultima bozza della legge di bilancio è stata inserita l‘esenzione dall’Imu per le case occupate ed è salito da 30 a 60 euro il limite entro il quale i commercianti sono esentati dall’obbligo di consentire i pagamenti con il Pos, e dunque con bancomat e carte di credito. C’è poi una stretta fiscale sulle vendite online che prevede l’obbligo di fattura a partire dal primo luglio 2023. Nella bozza della manovra circolata nelle ultime ore  è previsto l’obbligo di trasmettere all’Agenzia delle Entrate i dati relativi ai fornitori e alle operazioni effettuate. E i beni che rientrano in questa misura saranno individuati presto con un decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze.

La bozza della manovra è stata dunque ampliata passando a 155 articoli dai 136 della versione precedente. Tra le altre novità introdotte, compare anche la definizione dei congedi parentali con un mese in più previsto per le mamme e un’accelerazione per una serie di opere infrastrutturali come per esempio il terzo lotto Tav e l’alta velocità Torino-Lione. Un ampio capitolo è dedicato alla rapida ricostituzione della Società Stretto di Messina, a cui è associato lo stop ai contenziosi pregressi legati alla mancata realizzazione del Ponte e la possibilità di un aumento di capitale di Anas e Rfi, come era stato annunciato anche dal ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Matteo Salvini.

Quanto alle misure per le famiglie, la bozza contiene il potenziamento dell’assegno unico per i figli a carico. Il sostegno sarà aumentato del 50% nel primo anno di vita del bambino. La stessa maggiorazione sarà destinata anche alle famiglie numerose con tre o più figli: in questo caso il 50% arriverà per i figli da 1 a 3 anni ma solo ai nuclei il cui Isee non supera i 40mila euro l’anno. Dettaglio aggiuntivo questo rispetto alle informazioni circolate finora. Il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, rassicura sul raggiungimento degli obiettivi del Pnrr entro fine anno: “Dobbiamo rispettarli e sono certo che ci riusciremo”, ha detto, sottolineando l’impegno del governo nel “ridefinire l’attuazione dei progetti del Pnrr sulla base delle effettive necessità che il Paese ha in questo momento”.

Autore