25 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Manovra tra alti e bassi: aumentano le accise sui carburanti e la Robin tax, via la stretta sulla detrazioni sanitarie

4 min read

La camaleontica Manovra del Conte bis entra nel vivo. Dopo un lungo ufficio di presidenza della Commissione Bilancio in Senato e una riunione di maggioranza, i relatori hanno depositato un secondo pacchetto di emendamenti che contiene diverse misure e non tutte faranno felici gli italiani.

A partire dall’ennesimo aumento delle accise sui carburanti: l’incremento è pari a 303 milioni nel 2021, 651 milioni nel 2022 e 132 milioni nel 2023. Cresce così la portata della clausola di salvaguardia inserita in manovra. Se non sarà disinnescata, porterà ad aumenti delle accise sulla benzina da 1,221 miliardi nel 2021, 1,683 miliardi nel 2022 e 1,954 miliardi nel 2023.

Robin Tax al 3,5%: con platea ridotta per tre anni ai concessionari autostradali, portuali, aeroportuali e ferroviari, con il rischio però, di conseguenti rincari per i consumatori. Il minor gettito stimato, rispetto alla versione originale della misura che prevedeva l’applicazione della maggiorazione a tutti i concessionari, è di circa 455 milioni di euro.

Rinvio Plastic tax, escluso Tetrapak: tassa sulla plastica a 50 centesimi al chilo e prodotti monouso in tetrapak esentati dall’imposta. Secondo le stime contenute nelle tabelle allegate, lo slittamento al 1 luglio del prossimo anno della plastic tax comporta una riduzione di 156,3 mln di incasso previsto.

Sugar tax: con lo slittamento della tassa al primo ottobre 2020 si stima un minor gettito di 175 milioni nel 2020. Con un valore di 0,10 al litro e 0,25 al chilo, portava 233 milioni, ora poco meno di 60.

Resta solo 1 milione di maggiori introiti invece dalla revisione delle tasse sulle auto aziendali, rimodulata in 4 fasce: le auto più ecologiche impatteranno sul reddito per il 25%, le più inquinanti fino al 60%.

Più fondi al 5 per mille: 20 milioni nel 2021 e 25 milioni di euro annui a decorrere dal 2022. Le risorse per la liquidazione della quota del cinque per mille vengono rideterminate in 510 milioni di euro per il 2020, 520 milioni di euro per l’anno 2021 e 525 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022.

Bonus facciate: Esteso il bonus facciate alle società e viene integrato con gli interventi di risparmio energetico, ma ne limita l’ambito territoriale di applicazione. Esclusi, infatti, gli edifici presenti nella aree agricole e insediamenti industriali ma potranno usufruire del beneficio (con una detrazione al 50% invece che al 90%) chi ha un reddito di impresa.

Aumenta la tassa sulla fortuna: e porta altri 308 milioni. Per coprire la revisione di sugar e plastic tax il governo riscrive gli interventi previsti il manovra e nel dl fisco e porta dal primo marzo al 20% il prelievo sulle vincite oltre i 500, comprese le lotterie istantanee come i Gratta e Vinci. Nel caso delle vincite alle new slot, le Vlt, il prelievo sale al 20% sopra i 200 euro, e la novità parte dal 15 gennaio. Rivisti anche il Preu e il payout (al 65%), cioè la percentuale di somme giocate destinate alle vincite.

Detrazione spese sanitarie: Tutte le spese sanitarie saranno interamente detraibili, e lo sconto non si ridurrà in base al reddito. La manovra introduce due scaglioni oltre i quali le detrazioni prima si riducono (tra 120mila e 240mila euro) e poi sono eliminate (oltre i 240mila euro). Nel testo base erano escluse solo gli interessi sui mutui e le spese sanitarie legate a gravi patologie.

Fondo famiglie vittime infortuni sul lavoro: aumenta di 1 milione di euro per il 2020, di 2 milioni nel 2021 e di 3 milioni nel 2022 il fondo a sostegno delle famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro.

Sviluppo Fincantieri a Sestri Ponente: “approvato l’emendamento del Governo che autorizza la spesa complessiva di 480 milioni tra il 2020 e il 2024 per il ribaltamento a mare di Fincantieri” ha dichiarato il sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti Roberto Traversi. Il cosiddetto ribaltamento a mare dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente (Genova) non è altro che lo sviluppo del cantiere che permette di non avere più la ferrovia che taglia a metà il cantiere e garantisce più spazi a mare per poter avere un bacino più grandi per poter costruire le navi da crociera di ultima generazione che hanno dimensioni maggiori”, ha aggiunto Traversi.

Monopattini e bici: i monopattini elettrici, a potenza limitata, sono equiparati alle biciclette e potranno circolare, rispettando il Codice della Strada. Lo prevede un emendamento alla manovra di Italia Viva, approvato dalla commissione Bilancio del Senato. L’obiettivo, viene spiegato, era quello in primis di superare il problema delle multe.

Raddoppiano i fondi per le borse di studio per l’università: la commissione Bilancio del Senato ha approvato alcuni emendamenti riformulati, sottoscritti da tutta la maggioranza, che porta da 16 a 31 milioni il finanziamento aggiuntivo nel 2020 per promuovere il diritto allo studio universitario.

Proroga contratti Lsu Calabria: fino al 31 dicembre 2020 i contratti a tempo determinato dei lavoratori socialmente utili della Calabria sono prorogati. Per la norma sono stanziati 30 milioni di euro.

Corsi contro bullismo per i prof: per potenziare la qualificazione dei docenti nel contrasto dei fenomeni del bullismo, del cyberbullismo e delle discriminazioni di genere, in manovra vengono stanziati un milione di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022.

Rimborsi per le ‘bollette pazze’: chi riceva bollette ‘sbagliate’ per la fornitura di energia elettrica, gas, acqua, servizi telefonici, televisivi e internet, “oltre al rimborso delle somme eventualmente versate” e non dovute, ha diritto a ricevere anche una somma “pari al 10% dell’ammontare contestato e non dovuto e, comunque, per un importo non inferiore a 100 euro”. Il rimborso può avvenire o con lo “storno nelle fatturazioni successive” o con “un apposito versamento”.

Fondi contro la violenza sessuale e di genere: quattro milioni di euro in più per ogni anno dal 2020 al 2022 per il piano straordinario “contro la violenza sessuale e di genere”. E’ quanto stanzia un emendamento approvato dalla commissione Bilancio del Senato.

Un milione di euro per il 2020 contro il randagismo: è quanto prevede un emendamento alla manovra approvato dalla commissione Bilancio al Senato. Il 60% di tali risorse saranno destinate a Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna per predisporre “piani straordinari di prevenzione e controllo del randagismo”.