26/09/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mavovra, il Cdm approva il testo. Ora al Parlamento entro mercoledì

3 min read

Il Consiglio dei ministri ha approvato il testo della legge di bilancio. La manovra, che aveva ricevuto un via libera salvo intese circa un mese fa, è ora attesa a breve in Parlamento. Il testo riscende a 228 articoli con 237 pagine. “Ci vorrà ancora qualche ora, penso che domani o al massimo nelle prime ore di mercoledì la manovra sarà trasmessa alle Camere”, ha così riferito il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, lasciando Palazzo Chigi.

È probabile che il Governo approvi uno scostamento di bilancio nei prossimi giorni. È ormai certo infatti che sarà chiesto al Parlamento un ulteriore margine per finanziare bonus e ristori a favore di chi deve chiudere in questi ultimi mesi del 2020. Il testo Sgravi contributivi non solo per le assunzioni under 35, ma anche per quelle al femminile e un fondo a sostegno delle imprese guidate da donne. Al 2021 e ai due anni successivi, invece, sarà dedicata la manovra. Per ventiquattro mesi a partire dal prossimo gennaio, chi assumerà donne avrà uno sgravio fiscale del 100%, fino ad un massimo di 6mila euro annui, se in azienda vi sarà un incremento del livello occupazionale netto. Per le donne manager ed imprenditrici ci sarà un apposito fondo presso il ministero dello Sviluppo economico, che erogherà contributi a fondo perduto per avviare imprese al femminile.

Tra le norme sul lavoro, nell’ultima bozza emerge una nuova deroga, sino al 31 marzo 2021, al decreto Dignità: si potranno rinnovare o prorogare, per un periodo massimo di 12 mesi e per una sola volta, i contratti a tempo determinato, senza indicare la causale.
Al capitolo cashless, che spinge gli italiani a utilizzare metodi di pagamento elettronici, viene confermata la lotteria degli scontrini. E viene chiarito che chi riceverà rimborsi, in base all’uso di carte e app, non si vedrà conteggiare tali somme come reddito aggiuntivo.
Arriva in manovra con una dotazione di 500 milioni di euro un ‘fondo per le politiche attive‘ con lo scopo di favorire la transizione occupazionale mediante il potenziamento delle politiche attive del lavoro e di sostenere il percorso di riforma degli ammortizzatori sociali.
Fondo da 400 milioni di euro per l’acquisto di vaccini: il testo ricorda che l’acquisto e la distribuzione sarà in mano al commissario Domenico Arcuri. Verranno inoltre stanziati 2 miliardi in più nel 2021 per l’edilizia sanitaria.
Aumentano i fondi per gli asili nido e risorse aggiuntive per il potenziamento delle strutture comunali.
Viene prorogato al 31 dicembre 2022 il credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno. L’agevolazione ora figura coperta per due anni, con oneri di circa 1 miliardo per ciascun anno e conseguente riduzione del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.
L’Inps potrà assumere 189 unità di personale nella qualifica di medico di primo livello per l’assolvimento delle funzioni medico-legali di propria competenza
Nessun intervento rivalutazione pensioni; scompare dall’ultima bozza della manovra ogni riferimento alle misure sulla perequazione automatica degli assegni, introdotte con l’ultima legge di Bilancio.
Nasce il ‘tavolo istituzionale per Roma 2025‘, con il compito di definire, un piano degli interventi e delle opere necessarie allo svolgimento del Giubileo Universale della Chiesa Cattolica previsto per l’anno 2025.
Arrivano ulteriori 165 milioni nel 2021 per il fondo per il finanziamento ordinario delle università, con lo scopo di finanziare nuove ‘borse di studio’ per l’esonero parziale o totale dei contributi degli studenti universitari.