11/04/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Meeting pentastellato a Roma con Grillo e Conte, sul futuro del M5S

2 min read

Vestito da palombaro (un casco anti-Covid) forse per paura di naufragare insieme al suo MoVimento, Beppe Grillo ha lasciato il meeting pentastellato che si è tenuto oggi a Roma per discutere del futuro dei 5S.

Il quartier generale è stato hotel Forum della capitale. In un primo momento il meeting si sarebbe dovuto svolgere a Marina Di Bibbona, nella villa di Beppe Grillo, ma successivamente si è appreso che l’incontro a cui ha preso parte anche Giuseppe Conte, si sarebbe tenuto a Roma. Secondo quanto si apprende da fonti qualificate, proprio per l’ex premier si starebbe pronto profilando un ruolo ad hoc, all’interno del MoVimento.

Fonti del M5s hanno infatti dichiarato: “Giuseppe Conte avrebbe raccolto l’invito a elaborare nei prossimi giorni un progetto rifondativo con il Movimento 5 Stelle. Una sfida cruciale per il Movimento, una ristrutturazione integrale per trasformarlo in una forza politica sempre più aperta alla società civile, capace di diventare punto centrale di riferimento nell’attuale quadro politico e di avere un ruolo determinante da qui al 2050”.

Alla riunione erano presenti anche diversi big, tra cui il capo politico Vito Crimi, Luigi Di Maio, Roberto Fico, Alfonso Bonafede, Riccardo Fraccaro, Paola Taverna, Carlo Sibilia che, hanno lasciato l’hotel senza rilasciare dichiarazioni. Assente invece Davide Casaleggio, impegnato nella sesta tappa del tour ‘La base incontra Rousseau’.

Proprio Crimi, avrebbe sottolineato la necessità di non ignorare il voto della base, che ha indicato la strada di una ‘governance’ a 5 al posto del capo politico, votando la modifica dello statuto in tal senso. Un compromesso potrebbe essere quello di trasformare il comitato direttivo in una sorta di ‘segreteria politica’, da affiancare a Conte. Nel tardo pomeriggio di oggi il comitato di garanzia del M5s (composto da Vito Crimi, Roberta Lombardi e Giancarlo Cancelleri), farà il punto per decidere eventuali modifiche da apportare allo statuto del Movimento.