Migranti: ecatombe nel Canale di Sicilia. Oltre 700 morti. A Malta la nave dei superstiti

E’ arrivata nel porto de La Valletta a Malta, con un leggero ritardo rispetto all’orario previsto, la nave della Guardia Costiera italiana con a bordo le 24 vittime e i 28 superstiti del naufragio avvenuto davanti alle coste libiche che avrebbe causato tra le 700 e le 900 vittime e tra questi, secondo il sopravvissuto ricoverato a Catania tra le centinaia di vittime ci sarebbero anche 50 bambini.

“I soccorsi hanno funzionato, l’organizzazione è stata esemplare e l’Europa dovrebbe ringraziare l’Italia, ma quest’ultima tragedia dimostra che il problema delle migrazioni e delle loro vittime si risolve solo agendo alla radice, cioè impedendo che i barconi partano”. Lo dice l’alto rappresentante della Politica estera Ue, Federica Mogherini. Il capo della diplomazia europea spiega anche “occorre contrastare i trafficanti, bloccando i loro finanziamenti e seguendone i movimenti, condividendo l’Intelligence così come si è cominciato a fare con l’antiterrorismo”.

Anche il premier Matteo Renzi espone il suo pensiero in merito agli scafisti: “Contro di loro è possibile un’operazione condivisa in Europa, ma mirata. Ci sono tutte le condizioni per farlo. Occorrono interventi mirati sugli scafisti, persone che vanno affidate alla giustizia. L’Italia ne ha arrestati 976, possibile lo facciamo solo noi?”.

Matteo Renzi al termine del Consiglio dei ministri straordinario indetto ieri alle 17 aveva anche chiesto la collaboraione dell’Europa “non lasciateci soli. Bisogna bloccare il traffico di essere umani”

A riconoscere il “pesante impatto” sull’Italia per l’arrivo di tanti migranti e ad essere grato al governo italiano per tutti i suoi sforzi è stato il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-moon che poi ha fatto appello alla comunità internazionale affinché divida il peso di questa crisi.

News Correlate

Lascia un Commento