27/01/2023

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Mixed zone, Allegri: “Alex Sandro? Merita un premio. Cresciamo di mentalità”. Sarri: “Ora tutto dipende dal Napoli”

3 min read

Mixed zone, Juventus e Lazio chiudono il quattordicesimo turno con due vittorie, i bianconeri superano il Verona con un goal di Kean, mentre Sarri si affida a Romero per prendere tre punti e secondo posto. Andiamo a vedere che cosa hanno detto, partendo da Allegri.

SULLA PARTITA– “Sicuramente non è stata una bella partita dal punto di vista tecnico ma sapevamo che quando giochi contro queste squadre che giocano a tutto campo, c’è stato il merito dei ragazzi che hanno capito e interpretato la partita. Poi è vero che potevamo fare meglio in alcuni occasioni ma già il fatto di capire come andava giocata la gara è importante per la squadra. Siamo arrivati dopo un periodo importante di fatica e i cambi ci hanno dato una mano ma ai ragazzi posso fare solo i complimenti perché questa gara andava fatta stasera”.

SU ALEX SANDRO ESPULSO- “Paredes doveva fare fallo e i due difensori dovevano accorciare. Per fortuna che ha fatto Alex Sandro, che non merita la multa ma un premio. Mi sarebbe dispiaciuto pareggiare, il più vicino deve far fallo, contro il Benfica abbiamo riaperto la partita per una stessa situazione”.

SU DI MARIA E PAREDES- “Sul piano tecnico hanno fatto bene. Angel ha gestito il pallone… Poi è normale, c’è un Mondiale tra pochi giorni e qualcosa inconsciamente lasci sul campo – le parole di Allegri a Sky Sport -. Non è voluto, ma è così”.

KEAN DECISIVO- “Si metteva sempre male, doveva crearsi lo spazio defilandosi, cosa che ha fatto meglio nel secondo tempo. Sia lui che milik hanno fatto una grande partita nella ripresa, Ma i ragazzi sono stati bravi. Gli alti e bassi? Perché è un 2000, è difficile, tecnicamente è più sporco di altri, ma le qualità le ha, va alla conclusione, è un giocatore importante per le grandi squadre e se giocasse tanto farebbe tanti gol, ma quest’anno a livello mentale, a differenza di altri anni, ha un atteggiamento positivo, chili in meno e una corsa diversa ma è sempre un ragazzo. Va capito, però sta migliorando”.

SUL NAPOLI- “Stanno facendo cose straordinarie e vincono sempre, ma è anche vero che nel calcio non puoi né vincere né perdere ogni partita. Stiamo crescendo nella mentalità, oggi è un buon risultato, ora domenica ci rimane l’ultima partita, contro una squadra importante. C’è da essere ottimisti, serenità e pazienza. Bisogna preparare gara dopo gara e ora penseremo alla Lazio”.

Lazio, battuto il Monza 1-0 c’è ora proprio la Juve nella sfida di lunedì sera. Le parole di Sarri a Sky Sport

SULLA GARA- “A livello mentale questa era una gara difficile. Nel derby abbiamo speso tante energie mentali e nervose ed eravamo a rischio. Infatti la prima mezz’ora abbiamo sofferto, faticato ad alzare i ritmi e ad andare a pressare. In questo momento della stagione la classifica vale zero. Per il momento non la guardiamo”.

SPERANZA- “Questo risultato ci dà speranza perché abbiamo vinto in una situazione in cui l’anno scorso spesso eravamo in difficoltà. A livello tattico ho detto ai ragazzi che eravamo sempre a metà strada e non coprivamo la casa. Ci mancava qualche metro con i centrocampisti e con la linea per poter scivolare sui loro esterni. Tra il primo e il secondo tempo ho detto anche che era una gara in cui dovevamo tirar fuori umiltà. Il Monza palleggiava bene e in certi momenti bisogna accettare di essere in difficoltà, fare attenzione ed essere applicati. Le potenzialità delle squadre le porta via il vento perché vanno espresse. Questa squadra non ha ancora espresso le sue potenzialità, può ancora salire di livello”.

SULL’INGRESSO DI IMMOBILE- “Voleva entrare prima? Non si era reso conto che avevamo un solo slot a 20′ dalla fine. Dovevo aspettare per non rischiare di stare in inferiorità in caso di infortunio”.

ROMERO DECISIVO- “Io non ne parlo molto volentieri perché è in crescita, sta lavorando bene e sta migliorando. E’ un momento della sua carriera in cui meno se ne parla, meglio è. Il ragazzo la testa ce l’ha e spero che continui il percorso che ha intrapreso”.

SU JUVE LAZIO- “È solo una gara importante. In questo momento la classifica è corta, ci sono ancora tante partite da giocare ed è tutto da delinearsi a meno che il Napoli non continui così. In questo caso ci sarà solo da lottare per la zona Champions”.

Autore