26/09/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone, Allegri: “Ho chiesto ai ragazzi di non prendere goal e sono stato esaudito”. Gasperini: “In Europa gioco più aperto, in Italia molti episodi”

2 min read

Mixed zone, la Juventus cancella il campionato in 45 minuti, 0-3 al Malmoe per la felicità di Allegri, contento di non aver preso goal, a pochi giorni dalla sfida casalinga con il Milan. L’Atalanta invece ne subisce due ma ne fa altrettanti, un pari amaro per Gasperini ma è comunque un punto conquistato in una competizione sempre difficilissima. Andiamo a vedere che cosa hanno detto i due tecnici a fine partita, partendo da Allegri. 

PRESSIONE LEGITTIMA-  “Dopo tre partite in campionato senza risultato è normale che avessimo un po’ di pressione, ma i ragazzi tecnicamente hanno fatto bene anche se in qualche situazione potevamo fare meglio. Dobbiamo migliorare il percorso iniziato a luglio e bravi a mantenere l’equilibrio”.

PORTA INVIOLATA-  “E’ un bel segnale, ho chiesto ai ragazzi all’intervallo di finire senza subire gol perché ti abitua a farlo e dà tranquillità. Bene anche Szczesny, che ha fatto la sua solita partita”.

SUCCESSO IMPORTANTE-  “Era importante perché altrimenti si andava troppo per le lunghe”.

DOMENICA IL MILAN- “Il nostro obiettivo è puntato sulla sosta di ottobre, lì vedremo dove siamo. I rossoneri stanno giocando molto bene e sono forti, deve essere un grande stimolo per noi. L’aspetto mentale è fondamentale in tutti i lavori, nel calcio anche di più. Quando lasci punti in campionato giocando male e con errori singoli, vedi le cose in maniera negativa. Bisognerebbe sempre distinguere il risultato dalla prestazione”.

E poi c’è Gasperini che avrebbe voluto un risultato diverso a fine partita e che invece si deve accontentare del 2-2

PARI COMPLICATO- “Abbiamo incontrato una squadra molto forte e, anche se mi spiace per come abbiamo preso i gol, sono molto soddisfatto del risultato”.

ABILI A NON BUTTARE VIA-  “Abbiamo avuto la forza di non buttare via palla. Nel finale, in superiorità numerica, speravamo anche di vincerla ma poi è stato bravo Musso a salvarci. Entrambe le squadre hanno giocato bene”.

CAMBI DECISIVI- “Gli uomini in attacco sono fondamentali da quando ci sono i cinque cambi. Entra gente fresca e veloce, i difensori invece si sostituiscono meno e con la stanchezza fanno più fatica. Forse ci è mancata un po’ di motivazione alla fina ma la squadra ha fatto una prova notevole”.

YOUNG BOYS FORTE DELLO UNITED-  “Il gruppo è equilibrato e gli svizzeri sono una squadra di tutto rispetto, lo United se ne è accorto oggi”.

DIFFERENZA CAMPIONATO-  “In Europa ci sono partite più aperte, non trovi squadre chiuse. Ma il ko contro la Fiorentina è stato viziato da episodi che ci capitano troppo spesso in Italia. Adesso mettiamo la testa alle prossime tre partite di campionato, visto che sinora abbiamo raccolto troppo poco”.