06/05/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone, Champions: la delusione di Flick e la calma di Pochettino. Conceicao: “Io insultato”.

2 min read

Mixed zone, il Bayern Monaco abdica da campione d’Europa e quest’anno non supera nemmeno i quarti di finale, dopo aver eliminato la Lazio agli ottavi con un uno due imbarazzante, tanta la differenza di livello. Il Psg è però di un’altra categoria e si vede soprattutto nella gara di andata, quel 3-2 a Monaco pesa come un macigno nei 90 minuti del ritorno, i quali premiano i campioni d’Europa con un 1-0 che però non basta. In semifinale i francesi, esattamente come lo scorso anno. Anche il Chelsea approda alla semifinale dopo 7 anni dall’ultima volta, a parlare è Conceicao a fine partita, , nervoso per l’eliminazione nonostante la vittoria per 1-0, il quale accusa Tuchel di averlo insultato e poi di essere sparito. Andiamo a vedere cosa hanno detto i rispettivi tecnici, partendo da Flick del Bayern Monaco

FLICK- “Visto l’andata, con tutte le nostre possibilità e quelle che abbiamo fallito; senza il loro terzo gol ora saremmo qualificati. Hai visto quanto sono pericolosi in attacco. Devo fare grandi complimenti alla mia squadra, anche se il Paris è andato avanti e devo congratularmi con loro. Normalmente la mia squadra ha tanta qualità negli ultimi metri, ma oggi è mancato il colpo finale. Dobbiamo accettarlo, anche se avremmo voluto un risultato diverso”.

POCHETTINO- “Non mi sono fatto influenzare. Nel calcio c’è imparare ogni giorno e soprattutto sappiamo che non dobbiamo farne mai una questione personale. Non ho avuto alcun sentimento di vendetta. Sono totalmente concentrato sugli obiettivi del PSG e spero che riusciremo a raggiungerli”.

E poi come detto c’è Conceicao, eliminato con il suo Porto, dopo che lui stesso aveva escluso la Juventus con due gare da applausi tra andata e ritorno.

INSULTATO DA TUCHEL- “Sono stato insultato dal signore che mi era accanto. Il mio inglese non è perfetto, non c’è stato scambio di parole con lui perché ero concentrato sul gioco. Ma gli insulti li ho sentiti e la cosa mi ha irritato. A fine gara poi non ci siamo parlati, lui è sparito”.