26/09/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone: Fonseca con modestia, Gattuso con rabbia. Pioli riflette, cancella e riparte

2 min read

Mixed zone, Europa League, serata agrodolce per le italiane che grazie a Roma e Napoli tengono alto il tricolore ma devono fare i conti con un Milan irriconoscibile, battuto e surclassato con uno 0-3 inaspettato, di quelli che fanno impazzire gli scommettitori. Il Lille si presenta oggettivamente più forte e più in palla, esattamente come il Rijeka che qualche preoccupazione a Gattuso concede prima di cedere 2-1. Roma stratosferica con un 5-0 al Cluj figlio di questi tempi. Andiamo a vedere cosa hanno detto i rispettivi tecnici al termine delle gare, cominciando da Fonseca.

PARTITA NON FACILE- “E’ importante sempre non prendere gol, abbiamo fatto una partita difensiva molto sicura. Sembra che sia stata una partita facile, ma il Cluj ha ottenuto buoni risultati in Europa League. Penso che siamo entrati in campo molto bene, abbiamo fatto una partita molto seria e quando è così le cose sono più facile. Mi è piaciuta quasi tutta la squadra”.

Gattuso vince ma non ci sta a farlo in questo modo, al termine della gara il tecnico azzurro sembra quasi sconfitto ed invece ha vinto 2-1 con il Rijeka, confermando l’ottima posizione di classifica con 6 punti

CI È ANDATA BENE- “Le partite facili non esistono, l’approccio alla gara non mi è piaciuto. Alla fine ci è andata bene, nel secondo abbiamo sofferto poco ma mi piacerebbe succedesse nei 90 minuti. Non va bene, l’avevamo preparata bene, sapevamo benissimo che squadra andavamo ad affrontare, mi lascia con l’amaro in bocca e sono arrabbiato. Ancora non sono riuscito a fare capire che bisogna stare sul pezzo”.

Rassegnato ed amareggiato Pioli al termine della gara con il Lille, uno 0-3 che non necessita di alcun commento ma di tanto lavoro per riportare nelle gambe energia positiva contro il Verona.

UNA SQUADRA DI LIVELLO- “Abbiamo incontrato una squadra forte e non avevamo iniziato male. Poi ci siamo complicati la vita. Pensavo, in fase di preparazione della gara, che potessimo essere più pericolosi ma loro sono veloci, fisici e rapidi e, una volta in vantaggio, hanno approfittato dei troppi spazi concessi. Impareremo da questa prestazione. Siamo una squadra giovane ma matura e troveremo il modo di reagire”.

STO BENE- “Ripartiamo dalla valutazione di questa prestazione e, per la prima volta, dovremo analizzare più le cose negative di quelle positive, con la consapevolezza delle nostre qualità ma cercando di capire perché abbiamo concesso troppo a un’ottima squadra. Qui sto bene, l’ambiente è ottimo, i dirigenti ci sono vicini. E’ la situazione ideale per fare al meglio il proprio lavoro”.