22 Gennaio 2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone, Gattuso: “Abbiamo 18 punti, non 17. Il pepe non deve mai mancare. Fonseca: “Nessuna scusa”

3 min read

Mixed zone, la domenica del pallone regala emozioni, sorprese e conferme a cominciare dal 4-0 del Napoli sulla Roma, un risultato inaspettato quanto inverosimile se guardiamo gli ultimi risultati della squadra giallorossa. Eppure al San Paolo succede questo, nella serata dedicata a Maradona arrivano 4 goal che aprono al battesimo della nuova era dell’impianto sportivo che tra breve non si chiamerà più San Paolo ma Diego Armando Maradona. Andiamo a vedere quello che hanno detto i tecnici partendo da Gattuso.

SEMPRE CON QUESTA VOGLIA- “Dobbiamo giocare con questa voglia, ma non perché abbiamo vinto 4-0. Mi piace che chiudiamo le linee di passaggio e giochiamo col coltello tra i denti. Mi è piaciuto l’atteggiamento, a me piace quando qualcuno sbaglia e dai compagni prende grandi applausi e non grandi vaffanculo”.

DICOTTO E NON DICIASSETTE- “Diciassette punti? No! Ne ho fatti 18 sul campo, ne abbiamo 18!”.

MENTALITÀ VINCENTE- “Sappiamo che non possiamo avere una squadra al 100% per tutte le partite che giochiamo ma dobbiamo stare là, rispettare l’avversario, soffrire. Se hai la mentalità puoi farlo. Può capitarti di avere meno freschezza fisica ma la mentalità non deve mancare perché con quella puoi riuscirci ad arrivare lì dove non arrivi col fisico. Io voglio alzare l’asticella su questo e voglio farlo perché è una squadra che gioca un bel calcio a volte divertente”.

GIOCARE CON IL PEPE- “Non abbiamo niente da cambiare. Abbiamo 18 punti, con una gara da recuperare aspettando che la giustizia faccia il suo corso. Non so quali siano le aspettative degli addetti ai lavori o del club. Questa è una squadra che in dodici partite ha fatto nove vittorie, stiamo facendo quello che dobbiamo fare. Se qualcuno pensa che non dobbiamo perdere mai non è un mio problema. Dobbiamo giocare col pepe al culo, come fatto stasera”.

USARE LA TESTA SEMPRE- “Si respira un’aria triste ma in questo momento, secondo me, deve avere anche buon senso. Troppa gente senza mascherina… Maradona è una leggenda e lo sanno tutti ma in questo momento bisogna fare i bravi altrimenti ci saranno delle conseguenze per tutti. Spero che da domani si inizino a fare le cose fatte bene”.

Deluso ed incredulo invece Fonseca che mai si sarebbe aspettato una sconfitta di questa portata contro un Napoli certamente forte ma contro una Roma altrettanto forte sia in campionato che in Europa. 4 goal sono tanti, pesano e rallentano le parole.

NIENTE SCUSE- “Non abbiamo avuto il coraggio di affrontare una squadra come il Napoli. Non abbiamo fatto niente per fare risultato. Non eravamo i migliori del mondo e ora non siamo i peggiori”.

POCO E NIENTE-  “Non abbiamo giocato bene, non abbiamo chiuso lo spazio tra le linee e loro sono sempre entrati. Non siamo stati mai aggressivi in difesa. Nella ripresa abbiamo iniziato meglio ma poi non siamo andati avanti. Il Napoli è una grande squadra, noi abbiamo fatto errori difensivi che hanno tolto fiducia alla squadra”.

DZEKO FUORI FORMA-  “L’ondata emotiva per la morte di Maradona? Era un giorno diverso ma dopo dovevamo pensare alla partita. Questa questione non ha influenzato la partita. Dzeko è stato fermo tanto tempo, ha giocato un po’ in Romania e non sta in buone condizioni. Ma non ci sono scuse”.