04/12/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone, Gattuso: “Qui vengo massacrato ogni giorno. Troppi attacchi. Deluso anche da De Laurentiis”

2 min read

Mixed zone, il Napoli supera il Parma con un 2-0 tutto sommato tranquillo e Gattuso si sfoga, replicando quanto fatto qualche giorno fa dopo la gara di Coppa Italia. La situazione è decisamente pesante, il tecnico azzurro non accetta la ferocia delle critiche, considerando la posizione di classifica da Champions League, la semifinale di Coppa Italia da giocare a breve e i sedicesimi di Europa League contro il Granada il 18 febbraio. Insomma Gattuso non accetta certi attacchi, durissimi, alla luce di un lavoro che fino ad ora tiene il Napoli impegnato su tre fronti. Andiamo a vedere cosa ha detto il tecnico al fine gara post Parma.

MASSACRATO OGNI GIORNO- “Qui vengo massacrato ogni giorno, è una roba anomala.. Tanti attacchi, tante offese gratuite: non si lavora così, ci vuole serietà. Ci sono tifosi da tastiera, in epoca di lockdown, che mi hanno dato contro, ma gli attacchi sono arrivati anche da persone che stanno qui da anni, da loro ho sentito offese nei miei confronti. Se c’entra la societa’? Giudicate voi, io sto zitto. Ma così è difficile. Io non leggo, ma i giocatori certe cose gli rimangono. Sembra che siamo ultimi. Questa tarantella è cominciata da un mese. Io voglio lavorare in serietà, così non si può”.

DELUSO DA DE LAURENTIIS- “Con il presidente De Laurentiis, il rapporto è sempre stato buono, ma non nascondo che negli ultimi 15-20 giorni sono rimasto deluso: la vicenda è stata gestita male. Non mi sento a mio agio in questa situazione, lo dico francamente. Non mi ha mai fatto mancare nulla, lo rispetto, però certe cose non mi sono piaciute.

SITUAZIONE GESTITA MALE- “Contattati altri allenatori? Dico solo che a prescindere dal contratto io non mi sono seduto al tavolo con altre squadre che pure avevamo mostrato il loro interesse nei miei confronti. Ho fatto la persona corretta, se c’era qualche appuntamento non mi sono presentato. Non voglio essere ipocrita, lo ripeto: sono un suo dipendente e non mi ha mai fatto mancare nulla, mi fa allenare una squadra forte ma la situazione è stata gestita male”.