23/06/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone, Pioli: “Paghiamo le assenze e la stanchezza europea ma non cerco giustificazioni”

2 min read

Mixed zone, il Milan crolla in casa contro il Napoli nel momento in cui bisognava rispondere all’Inter colpo su colpo, una brutta caduta lo 0-1 del Meazza e la si legge tutta nella delusione di Pioli a fine partita, mista ad evidente stanchezza. Continua il silenzio stampa del Napoli, il tecnico rossonero invece spiega che cosa sia accaduto e ovviamente il momento della squadra.

TROPPE ASSENZE-  “Abbiamo fatto una buona partita, che però non può bastare contro un avversario ottimo. Abbiamo perso un’occasione dopo due grandi vittorie. Ora però dobbiamo solo guardare avanti. L’Inter certamente ha preso molto slancio, specialmente dopo l’esclusione dalla Champions. Le assenze? Quando sono così numerose, qualcosa perdi per forza”.

STIAMO PERDENDO QUALCOSA- “Stiamo perdendo qualcosa anche a livello di mentalità e di comunicazione. Abbiamo fatto tante partite senza Zlatan, Mandzukic, Rebic… Senza centravanti è difficile. Anche stasera sicuramente potevamo fare qualcosa di più dentro l’area. Del resto immaginiamoci l’Inter senza Lukaku, Lautaro e Sanchez. O la Juve senza CR7, Morata e Chiesa”.

CARO L’IMPEGNO EUROPEO- “L’Europa League è molto più faticosa della Champions in termini di vicinanza tra le partite. Tenete presente che noi siamo tornati alle 3 del mattino di venerdì da Manchester… Poi questo è il percorso che volevamo, quindi non cerco giustificazioni. Comunque ora dobbiamo reagire, questa classifica ci fa male, siamo il Milan e vogliamo subito guardare avanti, a cominciare dal ritorno col Manchester”.

SULLA GARA- “Nel primo tempo non abbiamo concesso tantissimo, ma sicuramente non abbiamo fatto una gran partita a livello tecnico. Troppi passaggi sbagliati, questo è stato un nostro limite. Inoltre abbiamo preso quando stavamo facendo meglio di loro. Si può sbagliare un passaggio a metà campo, ma dovevamo essere più veloci a recuperare le posizioni. Nella costruzione dovevamo essere più veloci, potevamo attaccare la profondità, è mancata la precisione tecnica, ma anche alcuni movimenti.

MANCATO RIGORE- “La reazione dopo il gol subito c’è stata, abbiamo avuto una palla gol importante con Leao e il rigore sicuramente era più sì che no”.