05/03/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone, Pirlo: “Fortunatamente quel goal di Chiesa…Morata? Non sta bene”. Conceicao: “Al ritorno dovremo essere forti”

3 min read

Mixed zone, la Juventus cade ancora nel peggiore dei suoi turni Champions, ovvero l’andata degli ottavi di finale che spesso negli ultimi l’ha messa alla prova in maniera determinante. 2-1 in Portogallo, un risultato sotto certi versi regalato da errori imperdonabili, dall’altro da una supremazia che ancora in Europa aleggia, quando si incontrano squadre che giocano a viso aperto e senza paura. Andiamo a vedere quello che hanno detto i due tecnici a fine gara, partendo da Pirlo.

APPROCCIO SBAGLIATO-  “L’approccio è stato sbagliato dopo il primo minuto e dopo un gol così è subentrata la paura e la mancanza di certezze. L’avevamo preparata bene e questo non era l’atteggiamento che volevamo imporre alla gara. Però quando prendi gol dopo un minuto diventa tutto più difficile”.

GRAZIE AL GOAL DI CHIESA- “Abbiamo preso un gol strano, poi è stata messa in piedi la partita che volevano fare loro. La partita era questa, lo sapevamo. Loro sono molto bravi a chiudersi, in più dopo il gol nel primo tempo l’hanno messa sulla strada che volevano, quindi è stato molto più difficile. La stanchezza c’è dopo tante partite impegnative. Non è facile mantenere lo stesso ritmo, lo stesso livello di attenzione. Però quando giochi un ottavo di finale a eliminazione diretta questo non dovrebbe mai succedere. Fortunatamente siamo riusciti a rimettere in pista la qualificazione con il gol di Chiesa e adesso ci concentriamo sul ritorno”.

SULLE PROPRIE SCELTE-  “De Ligt ha avuto solo un crampo fortunatamente, Chiellini invece ha avuto un risentimento al polpaccio. Eravamo un po’ incerottati, ma dobbiamo ora dobbiamo cercare di recuperare. Kulusevski titolare? Morata non stava bene, è qualche giorno che non è al meglio. Da quando è rientrato dall’influenza non si è più ripreso. E’ entrato nel momento del bisogno, ma appena finita la partita si è dovuto sdraiare, ha avuto uno svenimento. E’ stato male, era un po’ al limite”.

Conceicao si gode la vittoria solo a metà, chiudere sul 2-0 gli avrebbe permesso di arrivare a Torino con meno ansia e con qualche certezza in più ma tant’è. Il goal di Chiesa accorcia le possibilità che comunque rimangono immutate.

DOVREMO ESSERE FORTI– “Abbiamo fatto una gara di buon livello, ma siamo solo a metà e dobbiamo essere così forti in tutti i momenti per passare ai quarti di finale. Dispiace per il gol perché fino al 70′ la Juve l’abbiamo bloccata e non aveva costruito niente. Abbiamo fatto una buona gara difensiva con un pressing alto, abbiamo provato a bloccare Rabiot, Chiesa, le loro individualità che sono importanti”.

ERRORE SUL GOAL- “Sul gol abbiamo fatto un errore e contro una squadra di campioni poi prendi gol. Al ritorno dobbiamo essere rigorosi a livello difensivo, sempre concentrati, perché sono loro a dover fare il risultato. Poi vedremo chi gioca anche nella Juve, ma noi la studieremo bene e faremo il massimo per passare il turno. Non andremo là per difenderci e basta. Io in Italia? Non lo so, non si sa mai…”.