19/08/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Mixed zone, Sarri: “Il mio futuro legato all’Europa? È la prima volta che sento una cosa del genere. Acerbi? Spero la protesta sia passeggera

2 min read

Mixed zone, Sarri vince contro lo Spezia e lo fa con grande orgoglio, con la rabbia di chi lotta fino alla fine per far valere le proprie idee. Stesso discorso per Acerbi, protagonista nel goal del 4-3 finale, un goal necessario dopo le critiche ricevute a seguito della gara con il Milan. Andiamo a vedere che cos aha detto Sarri alla fine del match di ieri. 

UN’OTTIMA PARTITA- “Abbiamo fatto un’ottima partita. Abbiamo costruito tantissimo, ma facendo errori che l’hanno rimessa in bilico ogni volta. Questi sono match di alto livello.

SUL PROPRIO FUTURO- “Legato all’ingresso in Europa? Da quello che ho capito parlando con il presidente questa mi sembra una ca…ata. È la prima volta che sento una cosa del genere. Se devo valutare il mio lavoro posso dire che pensavo di risolvere prima alcuni problemi, invece è stato difficilissimo. Però siamo in crescita”.

GOAL DI ACERBI- “Rivincita? Direi di no. Mi dispiace che ci sia questa situazione strana con Acerbi, è un ragazzo che ce la mette sempre tutta. Si può fare un mese bene, un mese male. Mi dispiace per questa situazione, ha avuto dei problemi ma sta facendo anche bene. L’unico modo per proteggerlo è parlarne il meno possibile, poi io spero che sia una protesta passeggera”.

MEGLIO O PEGGIO- “È sempre difficile valutare queste situazioni, io penso che questo campionato sia più difficile, è salito il livello delle squadre di metà classifica. Ci sono squadre interessantissime, quasi tutte le big hanno fatto dei punti in meno. Abbiamo preso tanti gol per un mix di cose: la difficoltà a cambiare assetto difensivo e tanti erroracci a livello individuale. Stasera abbiamo preso due gol su palla ferma e un contropiede che abbiamo lanciato noi, ce lo siamo fatto da solo. Abbiamo commesso degli errori anche brutti. Mi piacerebbe prendere qualche gol in meno, non lo nascondo”.