25 Ottobre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Mixed zone: Un punto guadagnato per Pirlo e due persi per Fonseca. Sono i due tecnici ad ammetterlo

3 min read

Mixed zone, il campionato di Serie A prosegue con la seconda giornata, ieri sera la gara dell’Olimpico tra Roma e juve terminata 2-2 in doppia rimonta bianconera, una sorta di “stress test” per Andre Pirlo, alla prima gara “di livello” da tecnico della Juventus. Il pubblico si divide tra critiche ed entusiasmo, tra chi lo vorrebbe già alla porta e chi invece è più paziente. Andiamo a vedere quello che hanno detto i due tecnici al termine del match.

UN PASSO INDIETRO- “Abbiamo sicuramente fatto un passo indietro rispetto alla partita con la Samp. Però siamo una squadra in costruzione, che non ha avuto molto tempo di provare le soluzioni tattiche, non avendo fatto neanche amichevoli precampionato, quindi queste partite sono tutte prove. Stasera è un punto guadagnato”.

LE ATTENUANTI-  “Tutti quelli che sono entrati hanno dimostrato che stanno crescendo, non dimentichiamoci ad esempio che Arthur era fermo da sei mesi e Bentancur aveva giocato tantissimo nel finale di stagione e veniva da un infortunio”.

SU MORATA- Morata? Volevamo sfruttare l’uno contro uno in attacco, non è andata benissimo, ma era la partita che ci aspettavamo. Sapevamo che loro ci avrebbero attaccato con molti uomini e avremmo dovuto sfalsare di più i loro difensori per trovare gli spazi, ma non siamo riusciti a farlo”.

SUL CENTROCAMPO- “Abbiamo centrocampisti adatti per giocare  a due, per completarsi a vicenda. Non abbiamo né registi né mezzale, dobbiamo sfruttare al meglio le loro caratteristiche”.

 SULL’INTER- “Non lo so se la loro rosa è migliore della nostra, sicuramente è migliore di quella che avevano l’anno scorso. Noi però abbiamo tanti giocatori bravi e di qualità, ce la giocheremo fino alla fine”.

SU RONALDO- “Cristiano è un giocatore che siamo contentissimi di avere, dà tanto sia a livello di gol sia di prestazioni, ha corso tantissimo quando eravamo in dieci e questo è bello anche per i compagni”.

Di diverso avviso Fonseca, il quale aveva accarezzato il sogno di poter battere in casa la Juventus, svegliato poi bruscamente dall’erroraccio Dzeko sotto porta. Resta comunque la soddisfazione di aver dimostrato che la Juve in questo momento si può battere.

OCCASIONE SPRECATA- “Occasione sprecata? Sì, abbiamo fatto una buona partita. Non sono soddisfatto del risultato, ma abbiamo creato situazioni e abbiamo giocato per vincere la partita”.

SU DZEKO- “Oggi ha lavorato molto per la squadra, ha sbagliato come molti altri. E’ sereno e motivato, oggi ha fatto una buona partita. Cessione sfumata? Era una situazione normale che tutti qui capiamo. Era una situazione di cui tutti abbiamo parlato e stavamo tutti insieme in questo momento”.

MASSIMA FIDUCIA- “Ho fiducia totale nella società. Il nuovo presidente è arrivato adesso e parliamo sempre. Stiamo lavorando per trovare le soluzioni migliori per la squadra. Non è una questione di fiducia, io ho totale fiducia nel lavoro che stiamo facendo insieme”.

SULLA DIFESA A TRE- “Abbiamo tre giovani nella difesa, ma sono giovani con qualità che oggi hanno dimostrato che siamo una squadra forte difensivamente. Mirante ha fatto una sola parata, i ragazzi sono sempre stati molto bene”.

SOLO DUE CAMBI- “Possiamo fare cinque sostituzioni, ma se sento che la squadra sta bene non lo faccio. Ho sentito sempre la squadra bene, ho chiesto a Miki, Pedro e Dzeko se stavano bene. Non ho bisogno di cambiare quando la squadra sta bene”.