02/08/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Monito di Draghi ai paesi ad alto debito: “le regole Ue vanno rispettate”

1 min read

Avvertimento ai paesi ad alto debito dal presidente della Bce Draghi, secondo cui le regole Ue vanno rispettate e il debito non va aumentato ulteriormente. Per il numero uno di Eurotower, la mancanza di consolidamento fiscale aumenta la vulnerabilità agli shock, sia “che siano auto-prodotti mettendo in forse le regole dell’Unione monetaria, o importati tramite il contagio. Finora, l’aumento degli spread è stato in gran parte limitato al primo caso e il contagio è stato limitato”.

Anche se i rischi appaiono ancora “bilanciati”, e la frenata della crescita nell’Eurozona è normale e non prelude a una improvvisa interruzione, la Bce – ha sottolineato Draghi – dovrà “monitorare attentamente” i rischi posti dalla ‘guerra dei dazi’ e l’inflazione di base “deve ancora mostrare una tendenza al rialzo convincente”. Un cambio di tono del presidente della Bce, più da ‘colomba’ che nei mesi scorsi, che potrebbe avere ripercussioni sull’addio al Qe programmato a fine dicembre.

Se i dati in arrivo confermeranno la convergenza verso gli obiettivi la Bce procederà come stabilito. Ma “il consiglio ha anche notato che le incertezze sono aumentate” e dunque – ha detto il presidente della Bce allo European Banking Congress a Francoforte – “a dicembre, con le nuove previsioni disponibili, saremo più in grado di fare una piena valutazione”.