21/05/2022

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Motociclismo, svelato il “museo” di Valentino Rossi: i cimeli di una carriera straordinaria

2 min read

L’emergenza coronavirus sta stravolgendo il calendario del Mondiale 2020 classe MotoGP. Il primo Gran Premio della stagione, quello del Qatar, è stato annullato; a Losail corrono solo Moto2 e Moto3. Il GP della Thailandia, seconda tappa dell’anno, è stato rinviato al 4 ottobre. E ora si apprende che è a rischio anche il Gran Premio d’Argentina in programma il 19 aprile. Evento che il 5 dello stesso mese sarà preceduto, come da calendario, dal GP delle Americhe. Intanto, tra rumors sul futuro e altro, a tenere banco è sempre Valentino Rossi.

Svelato lo straordinario museo personale di The Doctor. Autentici cimeli storici indossati in pista e nel paddok dal campione di Tavullia, sono conservati in una sorta di “stanza segreta” di cui fino a oggi nessuno o quasi conosceva l’esistenza. A svelare la “magica stanza” è stato lo stesso Valentino Rossi, il quale, per la prima volta, ha mostrato a tutti questa sorta di museo personale; in realtà si tratta di un semplice magazzino. La rivelazione fa parte del primo episodio di quattro mini-film dedicati al Dottore su YouTube. L’opera è firmata da Dainese, produttore italiano di equipaggiamento tecnico e protezioni per gli sport dinamici, tra cui il motociclismo.

Il video e le parole di Vale. Disposti in ordine cronologico e abbinati in base all’evento, si vedono: stivali, caschi, guanti e tute firmate dal marchio vicentino (con cui Rossi coltiva uno stretto rapporto fin dagli esordi). Ogni oggetto è protetto da teche di vetro. Nel video il Dottore dice: “Una testimonianza di momenti indimenticabili della mia carriera cominciata nel lontano 1993 a soli 13 anni con il campionato Sport Production”. Dai preziosi caschi disegnati da Drudi Design alle memorabilia più classiche, fino alle moto che l’hanno accompagnato sui circuiti di tutto il mondo. Insomma, un tesoro di inestimabile valore. Non a caso lo speciale museo di Valentino Rossi ha anche un guardiano: tale Antonio, incaricato di tenerlo in ordine e di vigilare.