05/10/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

MotoGP, Algarve: Francesco Bagnaia è stellare e la Ducati vince il titolo costruttori

2 min read

Francesco Bagnaia vince il Gran Premio dell’Algarve in Portogallo, penultima tappa stagionale della MotoGP e seconda dell’anno a Portimao. Il pilota Ducati trionfa davanti alla Suzuki dell’iridato Mir e al collega Miller regalando al team il titolo costruttori. Giù dal podio Alex Marquez, mentre il neo campione del mondo Quartararo cade a cinque giri dalla fine e prende il primo “zero” dell’anno in casella punti. A punti invece Valentino Rossi e Dovizioso, che chiudono, rispettivamente, tredicesimo e quattordicesimo. La bandiera rossa per l’incidente tra Iker Lecuona e Miguel Oliveira non cambia il risultato che stava maturando in pista, con una netta supremazia di Francesco Bagnaia.

Al termine di una gara perfetta il pilota piemontese festeggia il ritorno sul podio dopo l’amaro “zero” nel Gran Premio di casa e porta per il secondo anno di fila la Ducati sul tetto del mondo con la conquista del titolo costruttori. Il pomeriggio portoghese è l’ennesima conferma per “Pecco”, che col lavoro maturato in questa stagione e le migliorie tecniche che la desmosedici avrà nel 2022 potrà di certo dire la sua per il prossimo titolo mondiale. C’è comunque tanta amarezza per non essere riusciti a vincere il titolo già quest’anno. Un titolo iridato vinto invece dal centauro della Yamaha Fabio Quartararo.

Le altre posizioni finali. Secondo gradino del podio per l’iridato Joan Mir seguito da Jack Miller, con l’australiano che vince il duello carena contro carena su Alex Marquez, il quale si accontenta del quarto posto al termine di una gara super. Bene anche le altre Ducati, con Zarco che chiude quinto davanti a Pol Espargarò seguito da Jorge Martìn, Alex Rins ed Enea Bastianini. A conquistare punti sono anche Luca Marini, arrivato 12° dietro a Binder e Nakagami, così come le Yamaha Petronas di Valentino Rossi e Andrea Dovizioso.

Le grandi delusioni dell’Algarve. Sfortuna e qualche dolore di troppo per Franco Morbidelli, che non riesce ad andare oltre il 17° posto, così come per il neo campione del mondo Fabio Quartararo che a cinque giri dal termine si stende e conclude la striscia positiva in termini di punteggio: in 16 gare disputate era stato l’unico a non prendere uno “zero”. Amaro in bocca anche per Danilo Petrucci, costretto al ritiro a pochi metri dal via per una caduta. Domenica 14 novembre, l’ultima tappa dell’anno sul circuito Ricardo Tormo di Valencia.