20 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

MotoGP, Misano: l’Italia fa il pieno nelle 3 classi con Dovizioso, Dalla Porta e Bagnaia. La Yamaha frena ancora Rossi

2 min read

Ducati: un trionfo annunciato al Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini.  Grande, grandissimo Andrea Dovizioso che centra la terza vittoria stagionale proprio sul circuito di casa per la “Rossa” di Borgo Panigale, il circuito “Marco Simoncelli” di Misano. Trionfo rosso, grande festa ma un successo che sposta poco nella lotta per il Mondiale MotoGP alla luce del secondo posto di Marquez che consente al centauro della Honda di consolidare il primato in classifica piloti, soprattutto alla luce del deludente 7° posto di Valentino Rossi sempre alle prese con una Yamaha incapace di tenere il passo delle moto rivali. Al di là di tutto l’Italia delle due ruote si gode una domenica trionfale completata dalle vittorie di Lorenzo Dalla Porta in Moto3 e di Francesco Bagnaia in Moto2. Sul podio MotoGP anche Cal Crutchlow, terzo Rins con la Suzuki.  Quarto Viñales con l’altra Yamaha (nelle foto: il circuito di Misano).

Emozioni fin dalla partenza. Al via la gara perde subito uno dei protagonisti, Jack Miller. L’australiano dopo due giri scivola quando era in terza posizione, spianando così la strada a Marquez che si mette all’inseguimento delle Ducati di Lorenzo e Dovizioso, in formissima, come previsto alla vigilia, soprattutto dopo i risultati nei recenti test su questa pista. Dietro a Marc, in quel frangente, ci sono Rins, Viñales, Crutchlow e Rossi. Al quinto giro Dovizioso rompe gli indugi infilando Lorenzo e volando in testa. I primi tre scavano in fretta un certo margine sugli inseguitori, in particolare sulle due Yamaha che si ritrovano staccate a conferma dei timori di Valentino Rossi dopo il warm up: “Sono preoccupato, non abbiamo l’aderenza che occorre e non sappiamo come rimediare”. Per il centauro pesarese dunque, un ritorno deludente a Misano dopo lo stop forzato dell’anno scorso causa infortunio; anche Pedrosa fa meglio del Dottore.

Lo sprint vincente del Dovi. Andrea Dovizioso coglie il momento favorevole e decide di non portarsi fino al traguardo Lorenzo e Marquez, due ossi duri. Così il forlivese mette il turbo e in poche tornate stacca i due rivali, con Marquez che si piazza davanti a Lorenzo per tentare in prima persona l’inseguimento. Jorge però non molla e disturbando con costanti attacchi Marquez, spezza il ritmo del campione del mondo che in tal modo non può concentrarsi su Dovizioso, con 2″3 di margine a 10 giri dal termine. Un margine perfetto per gestire il finale con una moto favolosa come la Ducati di quest’anno. Al penultimo giro Lorenzo tenta addirittura di avvicinarsi a Dovi ma scivola per un amaro ritiro. A questo punto in classifica Marquez ha un bel vantaggio, ma nelle ultime 6 gare stagionali non potrà certo rilassarsi avendo un Dovizioso così agguerrito e una Ducati così forte. In vista della tappa di Aragon la classifica piloti recita: Marquez 221 punti, Dovizioso 154, Rossi 151. Si riparte dal circuito della Comunità autonoma d’Aragona il 23 settembre.