27 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

MotoGP, un ex dirigente Honda attacca duramente Valentino Rossi e i suoi tifosi

2 min read

La MotoGP scalda i motori in vista della partenza del Mondiale 2020. Per la verità, manca ancora parecchio visto che l’obiettivo è far partire il campionato del mondo della classe regina a luglio; nella migliore delle ipotesi. Intanto, tiene banco una polemica che riguarda Valentino Rossi. Tornare a parlare della gare del passato è spesso piacevole, ma farlo ripensando alla gara MotoGP di Sepang 2015 è un vero e proprio tasto dolente, anche se sono passati 5 anni. Stavolta, a tornare su quel famoso contatto tra il Dottore e Marc Marquez  che lanciò Jorge Lorenzo verso il titolo iridato e che sollevò un mare di polemiche tra piloti e tifosi, è Livio Suppo: ex team manager Honda. In quel famoso 25 ottobre 2015, Suppo si trovava all’interno del box della Casa Alata.

Le parole dell’ex dirigente Honda. In un’intervista rilasciata a BT Sports, Livio Suppo ha detto: “La prima impressione quando ci fu il contatto è che Valentino lo stesse cercando. Dette uno sguardo per vedere dove si trovava Marc, ma quel che è fatto è fatto. Fu un weekend davvero indimenticabile. È facile dimenticare che Marquez aveva solo 22 anni quando tutti si sono rivoltati contro di lui”. Ma non finisce qui perchè Suppo in merito agli attacchi che furono rivolti a Marquez ha aggiunto: “Storicamente, i fan di un pilota hanno sempre rispettato gli altri piloti perché erano tutti visti come eroi. Rossi è un grande eroe, ma ha portato nel nostro sport un tipo di tifosi violenti che seguono le moto per lui e le capiscono solo con lui in pista”. Al momento non si registrano repliche da parte del Dottore.