25 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

MotoGP, Valentino Rossi si gode il fiore all’occhiello della sua VR46 Academy

2 min read

Il Motomondiale 2020 si avvicina al doppio appuntamento austriaco: prima gara sul Red Bull Ring domenica 16 agosto per il GP d’Austria, bis con il Gran Premio della Stiria domenica 23 agosto. Intanto, Valentino Rossi non può che essere orgoglioso dei suoi allievi della VR46 Academy che anche nelle prossime tappe proveranno a lasciare il segno. In un clima più fresco e su una pista che si preannuncia a tratti bagnata, bisognerà tirare fuori la capacità di adattarsi ad ogni situazione, i frutti dei tanti allenamenti sull’asfalto e sullo sterrato.

Ovviamente, nella classe MotoGP, dopo lo splendido podio centrato a Brno nel Gran Premio della Repubblica Ceca, riflettori puntati su Franco Morbidelli. Il “Morbido” è desideroso di ripetersi con la sua Yamaha M1 e ha anche tanta voglia di rivincita dopo la stagione 2019 vissuta all’ombra di Fabio Quartararo. E su Morbidelli il Dottore dice: “Franco è stato premiato per un bel weekend. Si è meritato il podio perché è stato fortissimo nei test invernali”.

Scommessa vinta quella di Vale. Aveva visto lungo Rossi, fin da quando il “Frankie” era un pilota della Superstock che sembrava destinato alla Superbike. Hanno fatto di tutto per portarlo in Moto2, prima per qualche gara con la Gresini Racing, poi con Italtrans Racing nel 2013-2014. Nel 2017 diventa il primo italiano a vincere il titolo Moto2 e a riportare in Italia un titolo iridato a otto anni di distanza da quello di Valentino Rossi nella MotoGP 2009.

Tutta la soddisfazione del Dottore a cui fa eco quella del “Morbido”. Su Morbidelli Valentino aggiunge: “È davvero il nostro fiore all’occhiello, ha ottenuto il primo podio dell’Academy in MotoGP e siamo molto contenti”. E Morbidelli precisa: “A Jerez avrei potuto già salire sul podio e a Brno siamo stati molto veloci per tutto il weekend, spero che questo sia un passo avanti. Ma sappiamo già come va il campionato con i suoi alti e bassi. L’importante è dare il massimo”. E dire che i due il prossimo anno saranno addirittura compagni di squadra alla Petronas.

Fabio Camillacci